2016: l’anno della realtà aumentata nelle aziende

11 2016 AR

Con la tecnologia della realtà aumentata, le applicazioni possono ora osservare il mondo fisico e connettersi con esso. Immaginate, ad esempio, di inquadrare con la fotocamera del telefono cellulare il motore della vostra auto. Il telefono sovrapporrà all’immagine etichette e video che illustrano come cambiare il filtro dell’aria.

“Un crescente numero di prodotti è ora una combinazione di contenuto fisico e digitale” ha dichiarato Jim Heppelmann, CEO di PTC. “Le modalità di interazione con questi prodotti si evolveranno quindi naturalmente verso un modello di realtà mista che unisce interazioni fisiche e digitali. La conseguenza per gli sviluppatori è che è diventata possibile una nuova classe di prodotti”.11 2016 AR

Nell’articolo riportato di seguito, Linda Seid Frembes di PTC si occupa del futuro della realtà aumentata e invita a un prossimo evento che dovrebbe interessare chiunque desideri conoscere come si evolveranno la progettazione e la produzione nel 2016. – N.d.R.

2016: l’anno della realtà aumentata nelle aziende

Se seguite le notizie sui principali trend tecnologici, avrete sentito certamente dire più volte che la realtà aumentata (AR, Augmented Reality) è l’astro nascente del 2016. Chiunque abbia sperimentato la realtà aumentata vi racconterà che è diversa da qualsiasi altra tecnologia visiva o interattiva. Questa esperienza è ora giunta nelle aziende.

Secondo un report di Juniper Research, l’utilizzo di applicazioni AR nelle aziende crescerà fino a 2,4 miliardi di dollari nel 2019, rispetto ai 247 milioni di dollari del 2014. È una decuplicazione nell’arco di cinque anni, per chi non fosse bravo in matematica (come me). Il mercato della realtà aumentata aziendale è innescato dal crescente utilizzo di questo sistema nel segmento consumer, che determina una controfase che influirà su entrambi i mercati.

Esaminiamo ad esempio il manuale utente Hyundai potenziato da realtà aumentata per il modello Hyundai Sonata del 2015. Come rilevato in un recente report di Gigaom Research intitolato “Augmented Reality in the Enterprise: Opportunities and Challenges“, la produzione automobilistica è un’area in cui la realtà aumentata sta compiendo rapidi progressi. In questo esempio, i proprietari di modelli Sonata possono utilizzare il proprio smartphone per verificare come eseguire attività come il cambio del filtro dell’aria e del liquido per il tergicristallo o le diverse funzioni disponibili all’interno dell’automobile.

In questo articolo di Information Age, l’autore Ben Rossi illustra cinque modi in cui la realtà aumentata si svilupperà nel corso di quest’anno. Nell’articolo suppone che gli occhiali intelligenti, come gli anticipati Google Glass Enterprise Edition di cui si è occupato il nostro aggiornamento settimanale di notizie, arriveranno a integrare gli smartphone, con l’analisi da parte degli utenti di diversi casi di utilizzo e diversi strumenti per sperimentare la tecnologia AR nella vita e nel lavoro.

Estremamente interessante è la seguente osservazione di Rossi: “Nel 2016, l’IoT si affermerà definitivamente, con l’adozione in numerosi settori come produzione e settore sanitario, e gli occhiali intelligenti saranno al centro di questo sviluppo del settore”.

Noi di ThingWorx saremo lieti di presentare le straordinarie possibilità della realtà aumentata e dell’IoT al prossimo ThingEvent. Lo scorso anno, PTC, azienda madre di ThingWorx, ha acquisito Vuforia da Qualcomm Connected Experiences, Inc., una consociata di Qualcomm Incorporated. Vuforia è la piattaforma di tecnologia AR più avanzata e diffusa del settore. La piattaforma di visione mobile Vuforia consente alle applicazioni di osservare il mondo fisico e connetterlo con il mondo digitale.

“PTC continua a portare avanti una strategia che prevede l’offerta di una piattaforma tecnologica straordinariamente innovativa che i clienti potranno utilizzare per sfruttare l’emergente Internet of Things (IoT)” ha dichiarato Jim Heppelmann, CEO di PTC, in occasione dell’acquisizione di Vuforia. “Grazie al supporto fornito dall’IoT, un crescente numero di prodotti è ora una combinazione di contenuto fisico e digitale. Le modalità di interazione con questi prodotti si evolveranno quindi naturalmente verso un modello di realtà mista che unisce interazioni fisiche e digitali”.

Se desiderate saperne di più sulla realtà aumentata e l’IoT nelle aziende, visitate il sito ThingEvent.com e scoprite come la realtà aumentata stia cambiando la visione delle “cose”, degli oggetti nell’IoT, attraverso gli esempi di Schneider ElectricSysmexKTM Caterpillar.

Promo_Email_TE_Banner1

[Articolo fornito dal blog sull’IoT. Leggete l’articolo originale qui.]

Questo articolo è stato pubblicato in Uncategorized e ha le etichette , , , , , , , . Aggiungi ai preferiti: link permanente. I trackbacks sono chiusi ma puoi scrivi un commento.

Pubblica un Commento

Il tuo indirizzo Email non verra' mai pubblicato e/o condiviso. I campi obbligatori sono contrassegnati con *

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

Puoi usare questi HTML tag e attributi: <a href="" title="" rel=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <pre> <q cite=""> <s> <strike> <strong>