Conceptual design: il processo dimenticato dalla tecnologia

06 Concept Design 1

In questo periodo dell’anno, i consumatori attendono con il fiato sospeso di entrare in possesso degli articoli da regalo più desiderati del momento, ad esempio un dispositivo indossabile o anche un paio di cuffie con tecnologia di cancellazione del rumore dal design raffinato. Prima di giungere nei negozi per la stagione degli acquisti, qualsiasi prodotto, che sia un elettrodomestico intelligente, una stampante 3D o un sistema di gioco avveniristico, è passato attraverso le mani di un ingegnere che con carta e penna o con un mouse e uno strumento di modellazione 3D ha iniziato a delineare l’idea grezza che si è poi trasformata nel gadget natalizio.
Nell’era ipercompetitiva attuale, il processo di conceptual design deve essere gestito dalle aziende in modo ottimale. La possibilità di esplorare rapidamente innumerevoli idee consente alle aziende di individuare il progetto migliore ed evitare difetti ed errori che potrebbero aumentare la complessità della progettazione.
Il problema risiede nel fatto che, a differenza della maggior parte delle aree del processo di progettazione, la fase concettuale potrebbe ancora trarre vantaggio da una trasformazione guidata dalla tecnologia. Gli strumenti CAD 3D, ormai ben radicati nella maggior parte delle organizzazioni, hanno ottimizzato buona parte del processo di sviluppo prodotto, ad esempio facilitando le revisioni di progetto e gli ordini di modifica di progettazione.

06 Concept Design 1

Questa sedia sviluppata in PTC Creo Design Exploration Extension è un raro esempio di conceptual design integrato nel workflow di progettazione tecnica complessivo.

Il conceptual design iniziale invece rimane spesso un processo ad hoc e spesso scollegato dai processi di sviluppo prodotto fondamentali. Le idee migliori, per il giocattolo del momento o per un widget industriale pluripremiato, potrebbero infatti trovarsi in blocchi note di progetto, in schizzi a mano su carta comune o in un qualsiasi disegno 2D o file di rendering.

Qual è quindi il metodo migliore per trasformare un processo dispersivo in parte integrata dell’intero ciclo di progettazione? Di seguito sono indicate alcune idee per iniziare.

Scegliere strumenti in grado di supportare un workflow integrato. È possibile che l’azienda utilizzi già strumenti avanzati per portare a termine il conceptual design. La possibilità di elaborare rapidamente un’idea grazie a uno strumento di rendering o un pacchetto per il layout di sketch non garantisce che il modello concettuale risultante si adatti perfettamente al workflow di progettazione tecnica. Soprattutto se il team deve svolgere una grande quantità di lavoro manuale per ricreare il progetto con il proprio strumento CAD. Per evitare inefficienze, nonché potenziali imprecisioni o interpretazioni errate del conceptual design, è necessario scegliere strumenti che consentano una facile interazione, possibilmente anche come parte  di una suite di progettazione estesa.

 

Non perdere di vista i requisiti di progettazione. È facile entusiasmarsi per un concept di progettazione, ad esempio per una concezione innovativa di un componente di un prodotto o per un’eccezionale forma organica che modifica l’aspetto e la composizione di un altro. In questa fase critica è tuttavia importante che gli ingegneri facciano un passo indietro e si assicurino di includere i requisiti funzionali, i requisiti dei clienti, i requisiti di idoneità alla produzione e altri solidi risultati finali nel concetto proposto, affinché il lavoro del team non risulti vano culminando in un progetto entusiasmante che non ha alcuna possibilità di essere prodotto.

Non lasciarsi vincolare dal CAD. Elaborare concetti mediante strumenti CAD parametrici tradizionali era notoriamente difficile, se non addirittura impossibile. La situazione, tuttavia, è considerevolmente cambiata grazie a una vasta gamma di nuovi strumenti aggiuntivi e funzionalità migliorate disponibile nella maggior parte delle piattaforme CAD. Le nuove funzionalità che facilitano la concretizzazione delle nuove idee includono la modellazione diretta, che consente di utilizzare sketch e disegni 2D esistenti come base per iterare nuovi concetti di progettazione senza dover ricreare i modelli, aree di progettazione sandbox come PTC Creo Design Exploration Extension, nonché strumenti per la creazione di superfici a forma libera che consentono ai progettisti di conferire ai concetti un buon grado di realismo.

Per un conceptual design efficiente non basta disporre di idee valide. Se la fase concettuale resta completamente scollegata dal resto del ciclo di vita della progettazione, la capacità di concretizzare sistematicamente tali idee valide risulta compromessa. Con così tante opzioni a disposizione per ottimizzare il processo, perché correre questo rischio?

 

06 Concept Design 2 AuthorBeth Stackpole è una collaboratrice di Desktop Engineering (www.deskeng.com) che si occupa da quasi un decennio del settore degli strumenti di progettazione.

Questo post del blog è stato finanziato da PTC. I concetti, le idee e le posizioni presentati nel post sono stati sviluppati in modo indipendente da Beth Stackpole.

Questo articolo è stato pubblicato in Info su Creo, Novità di PTC Creo 3.0, Progettazione rivoluzionata, Retroscena, Tecnologia di Creo, Uncategorized, Vantaggi di Creo e ha le etichette , , , , , , , , , , . Aggiungi ai preferiti: link permanente. I trackbacks sono chiusi ma puoi scrivi un commento.

Pubblica un Commento

Il tuo indirizzo Email non verra' mai pubblicato e/o condiviso. I campi obbligatori sono contrassegnati con *

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

Puoi usare questi HTML tag e attributi: <a href="" title="" rel=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <pre> <q cite=""> <s> <strike> <strong>