Tenere conto del ciclo di vita dei prodotti nelle iniziative per la sostenibilità

4389362541_1696ff1874

La creazione di prodotti sostenibili non implica semplicemente progettare scegliendo con attenzione materiali più ecologici, bensì coinvolge tutte le diverse fasi del ciclo di vita di un prodotto. Il quadro generale non comprende solo il progetto del prodotto, ma anche la fabbricazione, il trasporto, l’uso e infine lo smaltimento. Le società devono valutare l’impatto dei processi di fabbricazione, la sicurezza dei trasporti e le modalità con cui è possibile smantellare e riciclare il prodotto alla fine del suo ciclo di vita.

La maggior parte dei problemi ambientali è causata da effetti collaterali non intenzionali della fabbricazione, dell’uso e dello smaltimento dei prodotti. Ad esempio, per ogni tonnellata di prodotti che raggiunge effettivamente il consumatore vengono prodotte oltre 30 tonnellate di rifiuti. Dopo aver raggiunto i consumatori finali, il 98% dei prodotti viene buttato via entro sei mesi. In termini di consumo energetico, l’efficienza dell’intero processo è di circa il 2%.

Valutazione dell’impatto

Per iniziare, le società devono trovare il modo di quantificare la sostenibilità. Alcune società conducono ampi studi di valutazione del ciclo di vita per mantenere il controllo sull’impatto ambientale risultante dalla progettazione, dalla fabbricazione, dal trasporto e dallo smaltimento a fine vita dei prodotti. La valutazione del ciclo di vita (LCA, Lifecycle Assessment) è un buon indicatore della sostenibilità e viene utilizzata come metrica per l’intero ciclo di vita di un prodotto.

Sono disponibili diversi strumenti software che semplificano il processo mediante il calcolo del punteggio dell’impatto, che è determinato dalla valutazione dell’impatto dei materiali di un prodotto, del processo di fabbricazione, della modalità di trasporto, della distanza percorsa, del consumo energetico, della fonte di alimentazione e del metodo di smaltimento.

Fabbricazione

Progettisti e ingegneri sono preparati a concentrarsi sul miglioramento della forma e della funzione di un prodotto, non sulla modalità di fabbricazione. Eppure è nel corso della fabbricazione che si generano gli effetti più rilevanti da un punto di vista ambientale e sociale, causati dall’estrazione delle materie prime e dall’inquinamento derivante dai processi di produzione.

La fabbricazione sostenibile prevede l’adozione di processi non inquinanti, a ridotto consumo energetico e sicuri per dipendenti, consumatori e comunità. Misure come l’impiego di apparecchiature di fabbricazione di precisione per ridurre i rifiuti, lo spegnimento dei macchinari non in uso e la sostituzione dei motori a singola fase con quelli a velocità variabile o servoazionamenti per ridurre il consumo di energia rendono i processi di fabbricazione più sostenibili.

Il segreto è la progettazione

Sebbene ingegneri e responsabili ambientali presso gli impianti di produzione possano ridurre le emissioni e i rifiuti, esistono limiti ai margini di miglioramento conseguibili in quest’ambito. Il miglioramento della sostenibilità dei prodotti inizia in fase di progettazione, in quanto punto di intervento chiave per apportare cambiamenti radicali in fatto di prestazioni ambientali di prodotti e sottoprodotti.

Poiché la maggior parte dei costi di un prodotto viene determinata prima che inizi la progettazione, è nella fase di concezione che occorre individuare gli ambiti in cui la sostenibilità del prodotto ha il maggiore impatto. Durante lo sviluppo dei concept, ad esempio, i progettisti possono valutare il livello di resistenza dell’imballaggio necessario per assicurare la sicurezza del trasporto dei prodotti.

Per ridurre l’impatto dell’imballaggio, le società possono valutare l’uso di materiali come l’alluminio che è riciclato al 60% e può ridurre le emissioni di carbonio del 90%. La progettazione nell’ottica del riciclaggio implica la capacità di considerare in anticipo le modalità d’uso dei materiali e di ridurne il più possibile il numero.

Fine vita.

I prodotti non svaniscono dopo essere stati venduti. Tutti i prodotti cesseranno di essere utilizzati una volta terminato il loro ciclo di vita utile. Dove finiscono a quel punto? Una società che produce telefoni cellulari sa che, a seconda del comportamento del consumatore, un telefono verrà utilizzato solo per 12-18 mesi prima di essere sostituito.

Pertanto, una delle problematiche maggiori è lo smaltimento. Occorre quindi esaminare la quantità e la combinazione dei materiali di produzione allo scopo di ridurre l’impatto derivante da smantellamento e smaltimento. L’uso del minor numero di materiali possibile riduce questo impatto e agevola il riciclaggio del prodotto.

Conclusioni

Indipendentemente da come viene chiamato (ecoprogettazione, progettazione per la sostenibilità, progettazione verde o impronta ecologica), tutto si riduce per le aziende all’attuazione delle misure appropriate nelle fasi di concezione, progettazione, fabbricazione, trasporto e smaltimento dei prodotti nell’ottica di ridurre l’impatto sull’ambiente e lo sfruttamento di risorse non rinnovabili.

A tale scopo, le imprese devono tenere conto dell’intero ciclo di vita del prodotto per individuare modalità atte a migliorarne la sostenibilità. Ogni prodotto è diverso, pertanto le aree da migliorare possono variare. L’impiego degli strumenti e dei processi appropriati consente alle aziende di abbassare i costi di gestione dei rifiuti, limitare il consumo di energia e ridurre il rischio di costose operazioni di ritiro dei prodotti e delle conseguenti controversie.

Questo articolo è stato pubblicato in Progettazione rivoluzionata e ha le etichette , , , , , , , , . Aggiungi ai preferiti: link permanente. I trackbacks sono chiusi ma puoi scrivi un commento.

Pubblica un Commento

Il tuo indirizzo Email non verra' mai pubblicato e/o condiviso. I campi obbligatori sono contrassegnati con *

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

Puoi usare questi HTML tag e attributi: <a href="" title="" rel=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <pre> <q cite=""> <s> <strike> <strong>