PTC consolida lo sviluppo prodotto in MEI

Tra il grasso e la sabbia e che fanno funzionare i freni dell’auto esiste un dispositivo di regolazione. Alcuni di voi sono professionisti della progettazione di veicoli e sapete già che cosa vuole dire. Ma per quelli che si accontentano di andare in officina quando lo stridore dei freni diventa insopportabile, lo spiegherò a grandi linee.

Una guarnizione del freno è uno strato di materiale, composto prevalentemente da fibre aramidiche sintetiche, attaccato a una ganascia. Quando si preme il pedale, fa presa sul tamburo del freno, rallentando la marcia. Con il tempo le guarnizioni del freno si logorano.

Per compensare questa usura, è necessario regolare la distanza tra le ganasce e il tamburo del freno. Il dispositivo di regolazione è un collegamento nel sistema in grado di correggere questa distanza crescente. Alcuni dispositivi di regolazione richiedono l’intervento del conducente o di un meccanico che da dietro le ruote regoli manualmente il meccanismo. Altri funzionano automaticamente. Mentre la maggior parte di noi non pensa mai a queste cose, c’è un cliente PTC Creo che non pensa ad altro da 40 anni: Madras Engineering Industries.

Componenti dei freni MEI

Componenti dei freni MEI

Con sede a Chennai, India, MEI è nota in tutto il mondo per i dispositivi di regolazione. Anche se questi dispositivi possono essere facilmente tenuti in una mano, oggi MEI annovera tra i propri clienti veri e propri giganti: TATA, Ashok Leyland, Volvo Eicher, Daimler India e KAMAZ. E come se non bastasse, negli ultimi anni MEI ha allargato i propri orizzonti producendo nuovi prodotti che rappresentano una percentuale crescente dei ricavi dell’azienda.

Tra i nuovi prodotti figurano l’innesto pneumatico, i sensori di usura dei freni e i cilindri dei freni a molla. Eppure, per garantire che la crescita sia uniforme e i prodotti dell’azienda rimangano affidabili e soddisfino i più alti livelli di sicurezza, MEI ha dovuto creare un valido processo di qualità del prodotto. MEI-3 Fortunatamente MEI ha adottato PTC Creo. MEI ha utilizzato PTC Creo Advanced Assembly Extension per creare rapidamente le varianti dell’assieme. Con un partner PTC, l’azienda ha inoltre distribuito PTC Windchill PDMLink, eseguito la migrazione dei dati legacy in PTC Windchill, creato modelli di progetto per gestire il processo APQP (Advanced Product Quality Process) di MEI e ha creato le classificazioni di prodotti per organizzare le librerie di parti. In base al feedback raccolto, l’azienda segnala quanto segue.

  • Riduzione della durata di progettazione del 40% grazie a PTC Creo, con conseguente taglio dei costi e aumento dell’efficienza
  • Riduzione del 40% del tempo di ricerca di informazioni relative al prodotto e al progetto
  • Riduzione del 20% della nuova immissione dei dati

MEI è solo uno dei clienti di PTC Creo che hanno adottato PDM per integrare il processo di progettazione e hanno ottenuto risultati eccezionali. Per ulteriori informazioni guardate questo blog nelle prossime settimane.

Questo articolo è stato pubblicato in Uncategorized e ha le etichette , , , , , , , , , , , . Aggiungi ai preferiti: link permanente. I trackbacks sono chiusi ma puoi scrivi un commento.

Pubblica un Commento

Il tuo indirizzo Email non verra' mai pubblicato e/o condiviso. I campi obbligatori sono contrassegnati con *

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

Puoi usare questi HTML tag e attributi: <a href="" title="" rel=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <pre> <q cite=""> <s> <strike> <strong>