La progettazione sostenibile ha inizio con materiali più ecologici

Tradizionalmente i consumatori hanno basato i loro acquisti su caratteristiche dei prodotti come la qualità, l’utilità, la convenienza e/o l’aspetto. Oggi, tuttavia, molti prendono in considerazione anche la sostenibilità o la mancanza di questa. I produttori devono quindi aggiungere l’impatto ambientale all’elenco crescente dei requisiti da soddisfare.

Tutti sanno che la progettazione sostenibile tutela l’ambiente, ma molte organizzazioni stanno anche scoprendo i vantaggi che comporta per il business. Secondo lo studio del 2012 su sostenibilità e CFO, condotto da Verdantix per conto di Deloitte Touche, la sostenibilità è ora in grado di influire sul successo aziendale: quasi la metà (49%) dei CFO che hanno partecipato al sondaggio ha identificato una relazione importante tra prestazioni di sostenibilità e risultati finanziari.

Grazie al sostegno della dirigenza, le organizzazioni si stanno ora rivolgendo a progettisti e reparti di progettazione tecnica affinché favoriscano l’implementazione della progettazione sostenibile, che ha inizio con l’utilizzo di materiali sostenibili. L’obiettivo è quello di eliminare il rischio che tali prodotti possano contribuire alle emissioni di gas serra, alla distruzione delle foreste pluviali, al deterioramento della salute dei lavoratori o all’infiltrazione di materiali tossici nel terreno o nell’acqua.

La scienza dei materiali accelera per soddisfare le esigenze crescenti

La moderna scienza dei materiali è arrivata al punto in cui l’impiego di materiali più nuovi e sostenibili potrà determinare innovazioni in grado di soddisfare le richieste dei mercati futuri ottimizzando l’efficienza e riducendo i rifiuti. Le aziende diventeranno più competitive, i costi diminuiranno e le esigenze di un numero crescente di consumatori ecologici saranno soddisfatte.

La sostenibilità ha ovviamente influito sullo sviluppo di nuovi materiali, come la bioplastica durevole, i prodotti con materiali riciclati, i componenti elettronici stampati, i diodi organici a emissione di luce (OLED) e la ceramica stampata. Questi nuovi materiali hanno tutti lo stesso obiettivo: ridurre l’impatto ambientale mediante l’utilizzo di materiali non tossici che richiedono una quantità minima di energia e acqua per la produzione, possono essere riciclati completamente o compostati e fanno parte di un sistema a ciclo chiuso.

Uno di questi materiali, la bioplastica, derivato dal propandiolo (PDO) ottenuto dalla fermentazione batterica dello zucchero di mais, assicura un impatto ridotto grazie all’uso di risorse rinnovabili che isolano il carbonio durante la crescita. Un altro vantaggio è la possibilità di riciclo al termine del ciclo di vita. Smith Optics sta attualmente utilizzando questo materiale nelle montature delle maschere da sci Prodigy.

Come iniziare

Sono disponibili vari strumenti, guide e consulenti esterni che possono essere d’aiuto ai produttori nella ricerca di materiali più ecologici. Una di queste aziende è Materials Connexion, che offre servizi di consulenza per l’intelligence dei materiali che hanno aiutato i grandi produttori, quali BMW, Procter & Gamble, Nike, Nissan, Nokia e Samsung, nella progettazione sostenibile.

L’azienda ha inoltre collaborato con gli ideatori del progetto Cradle to Cradle alla creazione di una piattaforma di progettazione globale per lo sviluppo di materiali e prodotti innovativi e sostenibili. Grazie alla rispettiva conoscenza dei materiali sostenibili e dei processi di sviluppo prodotto, lavorano a stretto contatto con i produttori per progettare e sviluppare prodotti sostenibili. Materials Connexion offre inoltre librerie online contenenti oltre 4.000 materiali.

Gli strumenti di progettazione tecnica e progettazione stanno altresì evolvendo per aiutare gli ingegneri nella progettazione di prodotti sostenibili. Gli strumenti per la valutazione tempestiva dell’impatto ecologico, ad esempio i software LCA di Sustainable Minds e GaBi di PE International, offrono tutti un approccio completo alla selezione di materiali sostenibili che tutela l’ambiente senza rinunciare alle prestazioni.

Conclusioni

La sostenibilità non è solo una questione di materiali. Deve prendere in considerazione anche l’impatto ambientale dei processi di progettazione e produzione, l’uso efficiente delle risorse naturali e l’effetto del prodotto sulla salute e sulla sicurezza degli utenti. Le aziende, tuttavia, devono pur cominciare da qualche parte e una scelta accurata dei materiali con cui creare nuovi prodotti è un ottimo inizio per una progettazione sostenibile.

Questo articolo è stato pubblicato in Uncategorized e ha le etichette , , , . Aggiungi ai preferiti: link permanente. I trackbacks sono chiusi ma puoi scrivi un commento.

Pubblica un Commento

Il tuo indirizzo Email non verra' mai pubblicato e/o condiviso. I campi obbligatori sono contrassegnati con *

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

Puoi usare questi HTML tag e attributi: <a href="" title="" rel=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <pre> <q cite=""> <s> <strike> <strong>