Design News si occupa di agilità di progettazione

Recentemente, ho avuto la fortuna di assistere a un colloquio tra Beth Stackpole di Design News e Sherry Fairbank e Mike Campbell di PTC in merito ai risultati di un sondaggio PTC illustrati nell’infografica incorporata in questo post. L’infografica si concentra su due problematiche principali identificate dagli utenti CAD: le modifiche di progettazione in fase avanzata e l’utilizzo di modelli importati. Se ve lo siete perso, Beth Stackpole ne ha riepilogato alcuni punti principali in un articolo pubblicato nel blog di Design News il 28 giugno. Iniziamo con le modifiche di progettazione in fase avanzata. Secondo il sondaggio, il 44% dei partecipanti ha dichiarato di gestire eccessive modifiche impreviste nel corso dell’intero sviluppo, mentre il 37,9% ha affermato di aver affrontato in un recente progetto diverse o drastiche modifiche dell’ultimo minuto. Inoltre, un terzo dei partecipanti ha dichiarato che apportare rapidamente modifiche in fase avanzata, soprattutto a un modello creato da altri, è difficoltoso con la maggior parte dei pacchetti CAD esistenti. Esistono due cause di base: le richieste di modifica impreviste presentate in fasi avanzate del processo di sviluppo prodotto e gli strumenti CAD non dotati delle funzionalità necessarie per gestire facilmente tali modifiche. Una di queste cause è probabilmente irrisolvibile. L’altra può essere risolta. Riuscite a intuire quale? Ecco un suggerimento. Il secondo argomento trattato nell’articolo di Beth Stackpole è l’utilizzo di dati multi-CAD. Beth Stackpole ha definito questo argomento “forse il più interessante considerando la lunga tradizione di PTC nel CAD parametrico o basato sulla cronologia”. In realtà, tuttavia, si tratta di un problema molto reale per numerosi utenti che potrebbero ritrovarsi in uno scenario multi-CAD per motivi al di fuori del loro controllo, quali acquisizioni, collaborazione con partner e fornitori e processi di acquisto aziendale decentralizzati. Per quasi la metà dei partecipanti al sondaggio, l’importazione o la modifica di dati di altri sistemi CAD costituisce una problematica. Beth Stackpole ha scritto: Il fatto che PTC evidenzi il problema dell’interoperabilità e confermi che la maggior parte delle aziende di progettazione tecnica è davvero multi-CAD dimostra i progressi compiuti da PTC e dall’intero settore CAD. Circa dieci anni fa, la maggior parte dei clienti si lamentava continuamente del lock-in dei fornitori e di come le aziende di CAD rendessero pressoché impossibile condividere modelli 3D tra diverse offerte CAD. Grazie per l’apprezzamento. Per leggere tutto l’articolo, fate clic qui. Che cosa ne pensate di queste due problematiche? Influiscono sul vostro lavoro quotidiano? Come le affrontate attualmente?

Questo articolo è stato pubblicato in Uncategorized e ha le etichette , , , . Aggiungi ai preferiti: link permanente. I trackbacks sono chiusi ma puoi scrivi un commento.

Pubblica un Commento

Il tuo indirizzo Email non verra' mai pubblicato e/o condiviso. I campi obbligatori sono contrassegnati con *

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

Puoi usare questi HTML tag e attributi: <a href="" title="" rel=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <pre> <q cite=""> <s> <strike> <strong>

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: