Ottimizzazione dei vantaggi della simulazione

Gli strumenti di simulazione consentono agli ingegneri di eseguire test digitali sui modelli in modo da acquisire conoscenze tecniche su come possono essere ottimizzate le progettazioni di nuovi prodotti. È possibile creare il modello CAD, eseguirne la simulazione e quindi utilizzare le conoscenze acquisite grazie ai risultati della simulazione come input per il modello CAD. L’integrazione di software CAD e di simulazione sembrava un modo logico per incorporare la simulazione nel processo di progettazione meccanica e incoraggiare l’utilizzo da parte di non esperti. Il problema è che in molti casi ciò determina un collo di bottiglia. Ecco parte del problema. Per le simulazioni è necessario attendere il CAD. Gli analisti devono rivedere continuamente le analisi in base alle modifiche apportate al modello CAD e quindi rieseguire i calcoli. In questo modo, il CAD diventa un collo di bottiglia nonché un silo di dati separato. Gli strumenti di simulazione, inoltre, creano enormi quantità di dati. Come possono essere gestiti? Come è possibile estrarre i dati esattamente necessari per le decisioni di progettazione? Tali questioni e altre ancora vengono affrontate nell’ultimo documento di CIMdata, intitolato “The Democratization of Simulation with Intelligent Templates: Realizing the Full Benefits of Simulation“. In base a tale documento, il primo passo è consentire a un maggior numero di collaboratori di utilizzare la simulazione e a tale scopo sono necessari un cambiamento drastico dei workflow tradizionali e l’introduzione di modelli. I modelli rappresentano uno script o un programma che automatizza alcune attività ed è in grado di catturare le conoscenze degli esperti per un utilizzo ampio e sicuro. Modelli intelligenti Questi modelli “intelligenti” sono incentrati su un’infrastruttura riutilizzabile che gestisce i dati di prodotto e la simulazione delle prestazioni del prodotto. Contengono le risposte a molte domande fondamentali. Quali sono i requisiti e gli input di progettazione chiave? Di che cosa viene eseguita la simulazione? Qual è la struttura di prodotto funzionale? Quali strumenti verranno utilizzati e con quale livello di fedeltà? Quali regole note agli esperti saranno incorporate nello strumento? Quali sono tutte le condizioni ambientali? Il modello non contiene geometria o CAD, ma parte della descrizione riguarda l’impostazione del processo, che descrive ciò che viene analizzato e come. Nel processo confluisce una notevole competenza. L’ambiente di simulazione viene impostato in modo da eseguire rapidamente i processi in caso di modifica della geometria e accedere velocemente ai dati per input e output chiave. I modelli consentono di risparmiare una notevole quantità di tempo, poiché tutto il lavoro in genere svolto manualmente viene eseguito automaticamente in caso di modifica del progetto. I modelli definiscono workflow basati su best practice che possono essere eseguiti utilizzando le informazioni contenute nel modello astratto e i dati di prodotto e di processo associati. I modelli si evolvono di pari passo al progetto, con l’integrazione in essi di ulteriore competenza da parte dei progettisti. Al termine dell’evoluzione, sono altamente riutilizzabili. Questo approccio, ovvero l’utilizzo di un unico modello di dati integrato per rappresentare tutti i dati di progettazione, garantisce diversi vantaggi. Consente di catturare e riutilizzare le best practice in un modulo eseguibile. Una volta creati dagli esperti, i modelli intelligenti possono essere passati ad altri che non dispongono della stessa competenza o formazione, aumentando l’efficienza e la capacità di simulazione. Aumenterà così considerevolmente il numero degli utenti che sfruttano le analisi. Questo approccio soddisfa le esigenze di simulazione di esperti, ingegneri e progettisti e si basa sull’idea di disporre dello strumento corretto nel posto giusto per i motivi appropriati e di combinare gli strumenti in modo da garantire il massimo rendimento dell’investimento, offrendo rapidamente dati sulle prestazioni e ottenendo un forte impatto sulla progettazione. Questo approccio facilita inoltre la collaborazione degli ingegneri su simulazioni tra diversi silos dell’organizzazione e consente di estrarre informazioni chiave su cui basare la progettazione. Per ulteriori informazioni sui modelli intelligenti, scaricate questo documento gratuito di 25 pagine dal sito Web CIMdata all’indirizzo https://plmforesight.cimdata.com/download/index.cfm?download=IntelligentTemplates&company.

Questo articolo è stato pubblicato in Progettazione rivoluzionata e ha le etichette , , . Aggiungi ai preferiti: link permanente. I trackbacks sono chiusi ma puoi scrivi un commento.

Pubblica un Commento

Il tuo indirizzo Email non verra' mai pubblicato e/o condiviso. I campi obbligatori sono contrassegnati con *

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

Puoi usare questi HTML tag e attributi: <a href="" title="" rel=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <pre> <q cite=""> <s> <strike> <strong>