Cliente Creo: progettazione di arti sostitutivi

In un precedente episodio di The Product Design Show, Vince e Allison hanno presentato College Park, un’azienda che progetta protesi per arti inferiori. A Fraser, in Michigan, sono stati impiegati alcuni anni e circa dieci ingegneri di talento per creare l’innovativo iPecs Lab. iPecs Lab fornisce ai progettisti i dati empirici loro necessari per creare un arto artificiale che risulti una vera e propria estensione del corpo di un mutilato. Prima di iPecs Lab, gli ingegneri di College Park si affidavano alle comunicazioni del paziente e del protesista per apportare modifiche al piede. Con il dispositivo wireless iPecs Lab, invece, il feedback, ad esempio in caso di sforzo eccessivo per il portatore della protesi, viene di fatto fornito dal corpo. La cella di carico del dispositivo, all’incirca delle dimensioni di un telefono cellulare, viene collocata tra la cavità articolare del paziente e la protesi. Sulla base delle informazioni raccolte dal dispositivo, l’ingegnere apporta modifiche di progettazione al piede. I progetti di protesi per arti inferiori più recenti, come Soleus, sfruttano la tecnologia iPecs Lab. Soleus, progettato per un uso con medio o alto impatto, crea un’andatura continua per il portatore della protesi. Tale risultato è ottenuto tramite una serie di molle che si estendono dalla parte posteriore del piede a quella anteriore, in base a una tecnologia denominata Integrated Spring Technology (iST). Ad esempio, quando una persona cammina, partendo dall’appoggio del tallone, vengono inizialmente caricate le due molle posteriori della protesi. Procedendo nell’andatura, il piede trasferisce il peso dalla molla posteriore a quella centrale e quindi a quella anteriore. Nell’episodio di The Product Design Show di seguito, Vince e Allison mostrano al rallentatore questi complessi aspetti. Mike Leydet, direttore responsabile della progettazione tecnica, ha dichiarato che progettare una protesi inferiore è straordinariamente impegnativo. “La complessità del movimento del corpo umano che cammina nello spazio è incredibile. Avevamo quindi bisogno di dispositivi e sensori [come iPecs Lab] in grado di misurare questi aspetti”. Il genio creativo alla base di iPecs Lab, di Integrated Spring Technology e del piede Soleus è proprio della sede di College Park Industries in Michigan. La tecnologia che consente di gestire in modo brillante lo spazio 3D proviene da Creo Parametric.

Questo articolo è stato pubblicato in Clienti Creo e ha le etichette , , , . Aggiungi ai preferiti: link permanente. I trackbacks sono chiusi ma puoi scrivi un commento.

Pubblica un Commento

Il tuo indirizzo Email non verra' mai pubblicato e/o condiviso. I campi obbligatori sono contrassegnati con *

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

Puoi usare questi HTML tag e attributi: <a href="" title="" rel=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <pre> <q cite=""> <s> <strike> <strong>