Cliente Creo: utilizzo pratico della progettazione CAD presso UC Berkeley

Nel corso 128 di ingegneria meccanica della University of California Berkeley, gli studenti imparano progettazione CAD, comunicazione, lavoro in team e animazione e producono un progetto finale che consente loro di assicurarsi i posti di lavoro che desiderano. Per il corso, gli studenti eseguono il reverse engineering di un dispositivo di moderata complessità (come una fotocamera digitale, una sega circolare o un flauto), lo progettano con il CAD e quindi creano un’animazione del progetto. Dennis Lieu ha dichiarato di aver creato questo corso in evoluzione quasi 20 anni fa poiché desiderava “presentare agli studenti nuovi modi per comunicare e l’animazione tecnica era non solo nuova, ma anche efficace. Inoltre” ha aggiunto “gli studenti si divertono molto lavorando a questi progetti”. Con una rapida ricerca su YouTube di “E128 Berkeley” è possibile visualizzare alcuni progetti finali piuttosto sorprendenti. A una prima occhiata, sembra impossibile che uno studente intorno ai vent’anni sia in grado di progettare e animare questi complessi dispositivi in un semestre. Non solo è possibile, è assolutamente straordinario. Consultate alcuni dei progetti finali preferiti, quali Canon 10D DSLR, Compound Bow e Rotary Engine (di seguito). Gli studenti possono utilizzare qualsiasi prodotto di modellazione ritengano pratico e comodo per progettare il dispositivo (ad esempio, Inventor, Solidworks, Creo Parametric, 3D Studio e Maya). Per Pum Sang Cho e il suo team, comodità e praticità erano garantiti da Creo Parametric. Cho faceva parte del team di tre persone del motore rotativo, la cui storia ricorda i tempi dell’università in cui si viveva con semplicità, si lavorava fino a tarda notte per un progetto e si potevano affrontare curve di apprendimento estremamente impegnative. Per iniziare, il team ha trovato il proprio dispositivo su Craigslist: un motore rotativo 13B di una Mazda RX-7. Il motore è stato smontato sul balcone di un appartamento, dove il team ha misurato i componenti con un righello o un calibro digitale. Ogni componente del motore è stato misurato e ricostruito nel miglior modo possibile. Il team ha presto perso il conto del tempo, impiegando un numero di ore lavorative a tre cifre per completare il progetto nel corso di sei settimane. Alla domanda sui motivi per cui ha utilizzato Creo Parametric per creare il motore rotativo anziché altri prodotti che conosce, Cho ha risposto: “Mi ritrovo spesso a tornare di default a Creo Parametric quando possibile. Trovo l’interfaccia più intuitiva e naturale rispetto a Catia V5 (soprattutto per la quotatura), con funzionalità più potenti di Solidworks”. Il team a iniziato a imparare a utilizzare Creo Parametric soltanto alcune settimane prima di affrontare il progetto. Molti studenti di ingegneria di Berkeley hanno definito questo corso “indispensabile” per la propria carriera universitaria. Lieu ha dichiarato che alcuni di questi studenti al termine del corso conoscono i programmi CAD meglio di lui. Complessivamente, E128 sembra un corso da non perdere.

Questo articolo è stato pubblicato in Clienti Creo e ha le etichette , , , , . Aggiungi ai preferiti: link permanente. I trackbacks sono chiusi ma puoi scrivi un commento.

Pubblica un Commento

Il tuo indirizzo Email non verra' mai pubblicato e/o condiviso. I campi obbligatori sono contrassegnati con *

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

Puoi usare questi HTML tag e attributi: <a href="" title="" rel=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <pre> <q cite=""> <s> <strike> <strong>