Districarsi nella complessità dei prodotti di oggi

embedded-systemsIn quasi tutti i prodotti di oggi, dalle automobili a telefoni e lavatrici, è incorporata tecnologia informatica. I clienti sempre più spesso desiderano prodotti con supporto della tecnologia. Grazie alla maggiore concorrenza tra i produttori, smartphone, tablet informatici, navigatori elettronici, televisori abilitati per Wi-Fi e numerosi altri prodotti con supporto della tecnologia offrono ai consumatori praticità, portabilità e personalizzazione a prezzi estremamente ragionevoli. Le statistiche possono intimorire. Negli ultimi cinque anni, il numero medio di unità di controllo motore con supporto della tecnologia nei nuovi veicoli è cresciuto da 20 a 80. Nel settore dei telefoni cellulari, il numero annuo di aggiornamenti basati su IT è circa 40, ovvero il doppio rispetto al 2000.

Con l’aumento della complessità dei prodotti, cresce anche il compito dello sviluppo. Alle problematiche attualmente affrontate dai produttori in tutto il mondo si aggiunge la crescente pressione per ridurre il time-to-market e al tempo stesso mantenere bassi i prezzi. La crescente domanda di prodotti con elevato contenuto tecnologico crea difficoltà per i produttori che tentano di mantenere bassi i costi nonostante la rapida evoluzione delle tecnologie e la continua pressione per aggiornamenti dei prodotti. Lo sviluppo prodotto tradizionale si basava in gran parte su considerazioni relative all’hardware. I prodotti complessi  di oggi dipendono dall’efficace integrazione di più componenti hardware e software. La progettazione software include stringhe di codice combinate in livelli interconnessi. Pertanto, l’architettura IT sottostante la progettazione di nuovi prodotti è oggi molto più complessa. Nei prodotti controllati da microprocessori integrati, il funzionamento è guidato da sensori e processori, non da componenti meccanici. I produttori abituati a gestire lo sviluppo dell’hardware devono imparare nuovi processi e criteri di misurazione per gestire lo sviluppo di software. L’hardware è in genere caratterizzato da livelli notevolmente inferiori di incertezza in merito all’interazione dei componenti di un sistema: gli elementi sono connessi oppure non lo sono. Lo sviluppo di software presenta più sfumature.

Poiché per lo sviluppo incorporato sono necessarie competenze nel software nonché in ingegneria e fisica per l’hardware, la best practice prevede l’utilizzo di team interfunzionali di esperti e di metodologie di sviluppo che applichino modelli e strumenti di simulazione comuni. Per sviluppare con successo tali prodotti complessi con supporto della tecnologia è necessario un approccio integrato in grado di gestire diverse caratteristiche importanti. L’architettura dovrà essere modulare, in modo da consentire la memorizzazione delle sezioni e la relativa applicazione in prodotti diversi o futuri. Dovrà essere basata su standard, per facilitare l’integrazione, ed essere configurabile affinché un unico sistema possa soddisfare molti diversi requisiti dei clienti. Dovrà infine essere aggiornabile, in modo da consentire l’aggiunta di nuove funzionalità e funzioni senza che sia necessario eliminare parti consistenti delle release precedenti. I team di sviluppo prodotto che creano prodotti complessi dovranno continuamente ricercare nuovi modi per semplificare i progetti, chiedendosi se una determinata funzionalità desiderata verrebbe utilizzata regolarmente dai clienti e omettendola in caso contrario. Se il progetto sembra troppo complesso, i team non dovrebbero avere paura di ricominciare da capo e determinare se è possibile ottimizzare il progetto in modo da ridurne la complessità. In questo modo si riducono non solo i costi di sviluppo e i tempi del ciclo di progettazione, ma anche la complessità di utilizzo del prodotto.

Se un prodotto è troppo complesso e presenta una curva di apprendimento troppo elevata, l’adozione sarà scarsa. Una collaborazione efficace ed efficiente tra le persone incaricate dello sviluppo di questi prodotti complessi (progettazione tecnica, marketing, conceptual design e altro ancora) è di importanza critica. Tale interazione consente ai team di sviluppo responsabili di progettazione tecnica e IT di raggiungere un equilibrio tra l’insieme di funzionalità richiesto dal mercato e le esigenze aziendali in termini di costi e tempi di ciclo, restando nell’ambito di ciò che è tecnicamente possibile. Una stretta collaborazione consente inoltre di prevedere dove potrebbero verificarsi modifiche di progettazione, poiché le modifiche apportate a una porzione di progetti multidimensionali complessi producono effetti a catena che possono interessare parti adiacenti.

Un’organizzazione accurata e collaborativa dell’architettura di questi progetti si rivela essenziale per isolare gli effetti delle modifiche di progettazione. Coinvolgendo tutte le parti che probabilmente avvieranno modifiche nel progetto (reparti vendite, marketing, acquisti, qualità, produzione e progettazione tecnica), è possibile prevedere dove si verificheranno tali modifiche di progettazione e progettare di conseguenza l’architettura di prodotto sottostante. A causa dell’eccezionale complessità associata alla progettazione dei prodotti con supporto della tecnologia, risulta essenziale implementare un sistema di gestione del ciclo di vita del prodotto (PLM, Product Lifecycle Management). I sistemi PLM consentono alle organizzazioni di gestire le interdipendenze tra i diversi sottosistemi (software e hardware), facilitare la collaborazione tra le diverse discipline coinvolte nella progettazione e monitorare il processo di modifica. Immagine di Tom Held

Questo articolo è stato pubblicato in Progettazione rivoluzionata e ha le etichette , , , , , , . Aggiungi ai preferiti: link permanente. I trackbacks sono chiusi ma puoi scrivi un commento.

Pubblica un Commento

Il tuo indirizzo Email non verra' mai pubblicato e/o condiviso. I campi obbligatori sono contrassegnati con *

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

Puoi usare questi HTML tag e attributi: <a href="" title="" rel=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <pre> <q cite=""> <s> <strike> <strong>