Salvaguardia di concetti di progettazione e proprietà intellettuale

La proprietà intellettuale è la risorsa più importante di un produttore. Un’eventuale fuga di notizie presso la concorrenza può determinare la perdita dell’esclusiva di mercato e del vantaggio competitivo. La proprietà intellettuale contenuta nei conceptual design dei prodotti è attualmente sempre più a rischio, così come i ricavi e il know-how aziendale che rappresenta. I rischi per la proprietà intellettuale dei prodotti sono aumentati in conseguenza della distribuzione globale dei team che collaborano alla progettazione dei prodotti e, ironicamente, degli approcci necessari per supportare reti di progettazione e produzione realmente distribuite. L’assenza di processi e procedure per proteggere la proprietà intellettuale e salvaguardare i concetti di progettazione durante lo sviluppo può determinare la perdita di proprietà intellettuale, che a propria volta causa perdite a livello di vendite, trasformazione dei prodotti in beni di consumo e riduzione dei margini di profitto. I produttori devono implementare strutture organizzative, processi aziendali e tecnologie in grado di supportare una collaborazione che non comprometta la proprietà intellettuale, documentare la proprietà intellettuale, supportare la protezione legale e salvaguardare i dati di prodotto, con un miglioramento della protezione a livello IT e della gestione dei diritti digitali. Protezione dei concetti di prodotto I conceptual design vengono acquisiti e gestiti in modo diverso nelle organizzazioni. In uno studio recente relativo alle tendenze di conceptual design, condotto da PTC, soltanto il 37% dei partecipanti ha risposto che la propria azienda utilizza un sistema di gestione centralizzato di qualche tipo per acquisire e gestire i concetti di progettazione. Un altro 34% ha indicato che nella propria azienda “tutti i conceptual design, comprese le revisioni, vengono gestiti rigorosamente nell’ambito di un processo centralizzato”. Un altro 22% dei partecipanti ha dichiarato che ogni membro del team di sviluppo memorizza i conceptual design nel proprio computer, indicando così che non è presente alcun sistema di gestione centralizzato. Durante la fase concettuale dello sviluppo, per acquisire i progetti proposti vengono comunemente utilizzati blocchi note di progettazione. Nel sondaggio PTC, la gran parte dei partecipanti (66%) ha dichiarato che alcuni membri del team utilizzano blocchi note di progettazione durante la fase concettuale. A chi appartengono le informazioni contenute nei blocchi note? Oltre il 59% dei partecipanti riteneva che i blocchi note e le informazioni in essi contenute appartenessero all’azienda, mentre un altro 41% dei partecipanti non sapeva a chi appartenessero i blocchi note (22%) oppure riteneva che i dati acquisiti nel blocco note fossero di proprietà del singolo (19%). Nonostante i progressi e la maggiore distribuzione dei sistemi di gestione del ciclo di vita del prodotto (PLM, Product Lifecycle Management) e dei sistemi di gestione delle conoscenze, molti produttori utilizzano ancora strumenti e processi informali, quali i blocchi note di progettazione, per comunicare e gestire i dati di prodotto chiave, ostacolando così la collaborazione e aumentando i rischi per la proprietà intellettuale. In assenza di procedure definite per la salvaguardia delle informazioni contenute nei blocchi note, quando i dipendenti lasciano l’azienda vengono portati via dati proprietari preziosi. Nonostante il 67% dei partecipanti abbia indicato di non ritenere che il blocco note sarebbe stato portato via al momento delle dimissioni del dipendente, un altro 33% riteneva il contrario oppure “non sapeva”. Come è possibile quindi salvaguardare tali informazioni? In molte aziende non esistono procedure definite per proteggere questi preziosi dati di prodotto aziendali. Nell’ambito del sondaggio, soltanto il 16% dei partecipanti ha indicato che i dati contenuti nei blocchi note di progettazione vengono acquisiti in formato elettronico nei sistemi dell’azienda. Quasi il 70% dei partecipanti ha dichiarato che non sono presenti procedure per acquisire tali dati in formato elettronico nei sistemi aziendali. Un approccio strategico affidabile per la gestione della proprietà intellettuale e dei conceptual design deve estendersi dalla concezione del prodotto fino al rilascio sul mercato. Le aziende devono implementare un approccio sistematico per la salvaguardia dei concetti di progettazione emergenti e della potenziale proprietà intellettuale in essi contenuta allo scopo di ridurre il furto o la perdita di proprietà intellettuale. L’integrazione della gestione della proprietà intellettuale a livello di ricerca e sviluppo, attraverso lo sviluppo prodotto, fornisce in modo trasparente l’opportunità di migliorare la protezione della proprietà intellettuale e ridurre così i rischi e i costi per un produttore. Immagine di Roo Reynolds

Questo articolo è stato pubblicato in Progettazione rivoluzionata e ha le etichette , , , , , , , . Aggiungi ai preferiti: link permanente. I trackbacks sono chiusi ma puoi scrivi un commento.

Pubblica un Commento

Il tuo indirizzo Email non verra' mai pubblicato e/o condiviso. I campi obbligatori sono contrassegnati con *

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

Puoi usare questi HTML tag e attributi: <a href="" title="" rel=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <pre> <q cite=""> <s> <strike> <strong>