Costi nascosti di conceptual design inefficienti

La progettazione di prodotti è un’attività interfunzionale ad alto contenuto di conoscenza che è diventata sempre più importante per la sopravvivenza dei produttori nell’attuale economia competitiva globale in rapida evoluzione. La pressione per progettare e produrre nuovi prodotti innovativi è considerevolmente aumentata poiché i consumatori di oggi richiedono una varietà di prodotti superiore. La corretta esecuzione di una fase completa di conceptual design e l’esplorazione di numerosi conceptual design sono essenziali per il successo finale sul mercato di un nuovo prodotto. Durante questa fase, i progettisti creeranno una vasta gamma di sketch, non solo su carta ma possibilmente con rapidi modelli 3D. Il valore della creazione di sketch risiede non tanto negli sketch o nei modelli, quanto nel processo cognitivo associato alla valutazione di decine di idee o del maggior numero di opzioni possibile e alle nuove domande sollevate da ogni nuova opzione. La fase di conceptual design fornisce una descrizione del prodotto proposto nei termini di un insieme di idee e concetti integrati in merito alla funzione, al comportamento e all’aspetto del prodotto. I progettisti coinvolti nella generazione delle idee e dei concetti proposti definiscono sia l’estetica sia le funzionalità del prodotto. Vengono poste domande relativamente, ad esempio, ai destinatari del prodotto, ai vantaggi previsti, al posizionamento pianificato per il prodotto sul mercato e alle caratteristiche distintive rispetto ai prodotti della concorrenza. Durante la fase di conceptual design, diverse idee vengono elaborate, soppesate rispetto ai requisiti di progettazione e vagliate finché non viene determinato il concetto ottimale che viene quindi passato alla successiva progettazione dettagliata. Il problema è in genere la fretta che caratterizza questa fase della progettazione a causa delle pressioni esterne. Spesso, infatti, i team si affrettano a scegliere un concetto valido senza valutare un numero sufficiente di alternative. Il problema con questa mentalità del “sufficientemente valido” risiede nel fatto che non esistono seconde opportunità una volta che i progetti vengono confermati e passano in fasi successive del ciclo di progettazione. In uno studio recente relativo alle tendenze di conceptual design, condotto da PTC, i partecipanti hanno indicato che spesso sul processo di sviluppo di conceptual design influiscono negativamente vincoli di tempo. Dei 214 partecipanti, il 60% si è dichiarato d’accordo o assolutamente d’accordo a proposito del fatto che il processo di conceptual design presso le rispettive aziende venga spesso abbreviato a causa di problemi di pianificazione. Alla domanda se ritenessero che la propria azienda avrebbe tratto vantaggi enormi dall’esplorazione di un maggior numero di alternative di progettazione durante il conceptual design, la stragrande maggioranza (80%) ha risposto di sì. I produttori, inoltre, dovrebbero acquisire le idee concettuali non perseguite, poiché tali concetti spesso rappresentano l’idea migliore. Nell’ambito del sondaggio PTC, il 90% dei partecipanti ha risposto che è importante acquisire anche le idee non valide, ma soltanto il 34% ha riportato di disporre di un processo per la centralizzazione e la gestione delle idee concettuali accantonate. La selezione di concetti non validi per lo sviluppo può causare gravi costi, misurabili in termini di riduzione della quota di mercato, insoddisfazione dei clienti e perdita di tempo e denaro. Eseguendo una fase completa di conceptual design, i produttori possono evitare false partenze, un posizionamento errato, una strategia non efficace e la vendita ai destinatari sbagliati. Esaminando in modo appropriato i progetti proposti, i team di progettazione possono inoltre evitare di portare avanti progetti non validi. Le modifiche a valle presentano infatti un costo notevolmente superiore in termini di tempi di ciclo, spreco di energie e perdita di ricavi. In base alle stime, nonostante un aumento del numero di nuovi prodotti introdotti sul mercato, la percentuale di insuccessi è comunque elevata. Uno studio indica che soltanto il 40% dei beni di consumo attualmente sul mercato sarà ancora presente cinque anni dopo l’introduzione e la maggior parte delle stime segnala che la percentuale di insuccessi per i nuovi prodotti supera l’80%. Perché la percentuale di insuccessi dei nuovi prodotti è così elevata? Alcuni prodotti non hanno successo a causa di iniziative di marketing inefficaci, ad esempio un errato posizionamento sul mercato, prezzi elevati o una sovrastima delle dimensioni del mercato. L’insuccesso di alcuni prodotti, tuttavia, è determinato dalla scelta dell’idea o del concetto sbagliato. In base alle stime, quasi la metà (46%) di tutte le risorse allocate allo sviluppo di nuovi prodotti dalle aziende statunitensi viene assegnata a prodotti che si rivelano un insuccesso. La causa è spesso l’esplorazione di un numero inadeguato di concetti di progettazione. Secondo Gary Hamel, un famoso stratega e scrittore che si occupa di gestione, su 1000 nuove idee soltanto 100 hanno un valore commerciale, solo 10 di queste giustificheranno iniziative di sviluppo sostanziali e soltanto alcune di esse avranno successo sul mercato. Lo sviluppo di nuovi prodotti è pertanto una questione di numeri. Maggiore è il numero di idee e concetti che al team concettuale è concesso di valutare, maggiori sono le probabilità che l’organizzazione individui un concetto in grado di ottenere successo commerciale. Immagine di opensourceway

Questo articolo è stato pubblicato in Progettazione rivoluzionata e ha le etichette , , , , , , , , , . Aggiungi ai preferiti: link permanente. I trackbacks sono chiusi ma puoi scrivi un commento.

Pubblica un Commento

Il tuo indirizzo Email non verra' mai pubblicato e/o condiviso. I campi obbligatori sono contrassegnati con *

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

Puoi usare questi HTML tag e attributi: <a href="" title="" rel=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <pre> <q cite=""> <s> <strike> <strong>