Progettazione sostenibile: creazione di prodotti con un impatto ambientale ridotto

Le priorità aziendali per i produttori globali sono piuttosto semplici. L’aumento dei profitti, la conservazione dei clienti e la riduzione dei costi sono sempre in cima alla lista. Tuttavia il miglioramento della sostenibilità ha iniziato ad affermarsi e guadagnare qualche posto. Non vi è dubbio che i problemi ambientali rappresentino una preoccupazione legittima tra il pubblico (ovvero i clienti). Di conseguenza i produttori stanno considerando seriamente la possibilità di adottare un approccio più “verde”. Anche se vi è un numero crescente di prodotti sul mercato considerati “ecologici”, “verdi” o “sostenibili”, la realtà è che la maggior parte di questi prodotti non lo è. Secondo uno studio condotto l’anno scorso da TerraChoice, un’azienda di marketing e consulenza ambientale, oltre il 95% dei beni di consumo cosiddetti “verdi” per una o molte ragioni non lo è. Per definizione, sostenibile indica, o fa riferimento a, un metodo di raccolta o utilizzo di una risorsa in modo che non esaurisca o venga danneggiata in modo permanente. La definizione è precisa, ma quasi tutti i prodotti che utilizzano energia elettrica, gas, materiali della terra o un trasporto di qualsiasi tipo non soddisfano questa definizione in quanto esauriscono le risorse e danneggiano l’ambiente. Progettazione sostenibile I problemi principali di sostenibilità nella progettazione dei prodotti sono di natura ambientale e includono l’impronta ecologica, che fa riferimento alla produzione di gas serra, l’energia totale consumata e l’inquinamento di aria e acqua. I produttori che cercano di creare prodotti sostenibili devono prima determinare di cosa sono fatti i prodotti e valutare l’impatto che i materiali impiegati hanno sulla salute e sull’ambiente. Gli strumenti e i moduli specializzati vengono aggiunti ai sistemi per la gestione dei dati di prodotto (PDM) e per la gestione del ciclo di vita del prodotto (PLM) per semplificare la selezione dei materiali ed eseguire la valutazione diretta del ciclo di vita e l’analisi dell’impatto su carbone/acqua. Diversi fornitori CAD offrono inoltre agli utenti strumenti che consentono loro di valutare l’impatto ambientale delle selezioni dei materiali tramite distinte base esportate. Questi strumenti consentono ai progettisti di condurre un’analisi della distinta base in termini di prestazioni ambientali, costi e affidabilità, tenendo conto delle emissioni di carbonio e del consumo energetico previsti. L’EPA ha inoltre annunciato la disponibilità di un nuovo strumento che consente ai produttori di identificare e utilizzare sostanze chimiche più sicure come parte del programma di progettazione ambientale. Lo strumento per la valutazione di alternative chimiche fornisce una metodologia per la sostituzione informata. Valutazione del quadro generale: analisi del ciclo di vita Se un prodotto deve essere progettato in modo efficace con un impatto ambientale ridotto o nullo, il progettista deve considerare l’impatto del prodotto nell’intero ciclo di vita. Ciò significa che i progettisti e gli ingegneri devono esaminare tutto ciò che succede nella produzione, nel trasporto, nell’utilizzo e nello smaltimento finale del prodotto. La valutazione globale del ciclo di vita dei prodotti può richiedere moltissimo tempo, quindi risulta spesso difficile negli ambienti di progettazione quando il time-to-market è fondamentale per il successo finale del prodotto. In questi casi sono disponibili degli strumenti che agevolano la valutazione. Eco-Indicator 99 è un metodo con cui i produttori, usando un semplice insieme di tabelle di inventario e i dati dell’impatto standard per materiali e processi, possono eseguire la valutazione della sostenibilità del ciclo di vita. Sul mercato sono disponibili diversi pacchetti software che semplificano il processo mediante il calcolo del punteggio dell’impatto, che è determinato dalla valutazione dell’impatto dei materiali di un prodotto, del processo di produzione, della modalità di trasporto, della distanza percorsa, del consumo energetico, della fonte di alimentazione e del metodo di smaltimento. Risultato Sebbene rinnovare i processi di progettazione dei prodotti per risolvere i problemi di sostenibilità possa essere costoso e dispendioso in termini di tempo, alcune aziende verranno ripagate dei loro sforzi. Secondo uno studio di oltre 2.500 funzionari in Europa, Nord America e Asia condotto da Forrester Research, sebbene le aziende non prioritarizzino la sostenibilità, molte ne stanno raccogliendo i frutti. I risultati dello studio indicano che, anche se la sostenibilità non è in cima alla lista delle priorità aziendali dei funzionari, i vantaggi derivanti dall’implementazione di strategie “verdi” potrebbero aiutarli a realizzare gli obiettivi esistenti. Alla fine i produttori si renderanno conto di potere conservare più clienti, identificati nello studio come la priorità principale, mantenendo l’imballaggio al minimo e identificando apertamente i materiali usanti nei prodotti. Se si aumentano gli sforzi di riciclaggio, si possono ridurre i costi di gestione dei rifiuti. L’utilizzo di materiali più sicuri riduce il rischio di richiami costosi e controversie legali ancora più care. È sempre più evidente che un numero crescente di produttori sta passando a pascoli “più verdi”. Secondo lo studio di TerraChoice del 2010, la percentuale di prodotti esaminati per lo studio che sono stati definiti veramente”verdi” è passato dal 2% nel 2009 al 4,5% nel 2010 e, rispetto al 2009, sul mercato vi era il 73% in più di prodotti “verdi” nel 2010. Immagine di SOCIALisBETTER

Questo articolo è stato pubblicato in Progettazione rivoluzionata e ha le etichette , , , , , , , , , , . Aggiungi ai preferiti: link permanente. I trackbacks sono chiusi ma puoi scrivi un commento.

Pubblica un Commento

Il tuo indirizzo Email non verra' mai pubblicato e/o condiviso. I campi obbligatori sono contrassegnati con *

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

Puoi usare questi HTML tag e attributi: <a href="" title="" rel=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <pre> <q cite=""> <s> <strike> <strong>