Clienti Creo: Creo spara il colpo quasi impossibile

Quando ho sentito parlare per la prima volta di fucili che sparano dietro gli angoli, ho immaginato un tamburo piegato a 90 gradi. Uno scenario improbabile e praticamente impossibile, naturalmente, ma da bambino ho visto molti cartoni animati. La realtà è molto più high tech e interessante. Le truppe moderne hanno un mirino termico alla fine del tamburo.

Il mirino invia un segnale a un piccolo display attaccato al casco del soldato. Ciò significa che un soldato può puntare approssimativamente l’arma dietro l’angolo e poi prendere la mira utilizzando il monitor. E poiché il mirino impiega dei sensori termici, il buio, la nebbia e la polvere non impediscono di sparare dritto. Chi progetta questi dispositivi? Persone come Tom Premosch, un ingegnere meccanico senior.

L’intera attrezzatura, ovvero i sensori, i cavi e i display, è stata progettata con il software Creo. Se volete saperne di più su come Creo libera l’innovazione per Premosch e il suo team, guardate questa breve intervista effettuata in occasione di un recente raduno PlanetPTC:

Questo articolo è stato pubblicato in Clienti Creo e ha le etichette , , , , , , . Aggiungi ai preferiti: link permanente. I trackbacks sono chiusi ma puoi scrivi un commento.

Pubblica un Commento

Il tuo indirizzo Email non verra' mai pubblicato e/o condiviso. I campi obbligatori sono contrassegnati con *

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

Puoi usare questi HTML tag e attributi: <a href="" title="" rel=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <pre> <q cite=""> <s> <strike> <strong>