Creo 1.0 e le offerte d’appalto

bid-proposals

Creo 1.0 aggiunge valore a un’azienda in molti modi a cui potreste non aver pensato.  Recentemente ho spiegato nei miei articoli come Creo 1.0 può essere utile quando si affrontano modifiche di progettazione all’ultimo minuto o quando si desidera creare un workflow CAE/FEA stabile. Ecco un’altra area in cui Creo 1.0 può essere utile: le offerte d’appalto.

Il processo tradizionale

Quando le aziende rispondono a una richiesta di offerta dettagliata, desiderano comunicare di aver capito il progetto e di essere in grado di gestirlo. Quale metodo migliore per esporre le proprie idee e capacità di un modello CAD dettagliato? Inoltre il modello 3D elimina le ambiguità ed è sempre di grande effetto.

Creare un modello dettagliato può tuttavia richiedere troppo tempo. Il processo dell’offerta di appalto spesso si esaurisce in giorni o settimane, non in mesi o anni. E tali progettazioni di prodotti dettagliate assorbono risorse e richiedono di sostenere costi in termini di tempo e denaro per un progetto che alla fine potrebbe non ricevere finanziamenti. Nel processo di richiesta di offerta dettagliata tradizionale, molti ingegneri cercano affannosamente di trovare la giusta quantità di lavoro da dedicare alla creazione di un modello per un’offerta di appalto, specialmente quando si utilizzano sistemi di progettazione complessi e pieni di funzionalità.

Alcune aziende risolvono il problema aggiungendo uno strumento di progettazione più flessibile da utilizzare esclusivamente per le offerte di appalto. Purtroppo anche questa soluzione presenta dei problemi. La scelta di uno strumento specifico risulta infatti più veloce nel breve periodo ma aggiunge un sistema CAD incompatibile all’ambiente. Una volta vinto l’appalto, queste aziende devono spesso ricreare il modello dall’inizio nel sistema CAD di sviluppo. È una strategia poco proficua in quanto comporta perdite di tempo, ridondanza di attività e strumenti e frustrazione.  

L’esperienza con Creo 1.0

Creo 1.0 è uno strumento utile in quanto può essere utilizzato per creare rapidamente un modello dei concetti per la richiesta di offerta dettagliata e successivamente lo stesso modello può essere usato per lo sviluppo una volta vinto l’appalto. Creo 1.0 offre i vantaggi indicati di seguito.

  • Accelera il tempo richiesto per la creazione di nuovi progetti. Consente di creare un modello 3D di grande effetto per la proposta e sfruttarlo a tempo di record.  Dal momento che non è richiesto l’uso di vincoli come avviene nella progettazione parametrica, illustrare i concetti è veloce ed economico.
  • Riduce il tempo necessario a sfruttare progetti esistenti. Un altro modo veloce per produrre progetti per richieste di offerta dettagliata consiste nel modificare progetti già esistenti. Creo permette di apportare facilmente modifiche radicali a un progetto, anche se non è stato creato utilizzando Creo.  Consente di combinare modelli provenienti da più origini e di diversi formati, mischiarli, unirli e modificarli in modo sostanziale rapidamente.

Comunicazione chiara e professionale di progetti

Un modello 3D è uno dei modi più chiari per comunicare le proprie idee e gli strumenti di modellazione diretta di Creo consentono di creare progetti 3D sofisticati. I clienti possono vedere esattamente come si intende risolvere i loro problemi e di conseguenza non ci sono sorprese in un secondo tempo. Inoltre, la grafica di alta qualità comunica credibilità e competenza nel lavoro.

Sfruttamento della richiesta di offerta dettagliata

Una volta che è stato vinto l’appalto, i modelli e gli schizzi creati per la richiesta di offerta dettagliata possono essere trasferiti direttamente in altre applicazioni Creo, ad esempio Creo Parametric. Dal momento che Creo si basa su un modello di dati comune, qualsiasi cosa si crei per Creo Sketch o Creo Direct può essere facilmente aperta in Creo Parametric quando si inizia a sviluppare. Il risparmio di denaro ottenuto in questo modo viene trasferito direttamente al cliente nella forma di fatture meno costose o profitti maggiori. Ad ogni modo, non è necessario ricominciare daccapo il progetto perché è già avviato e molto più vicino alla conclusione.

La risposta alle richieste di offerta dettagliata è solo uno dei processi che traggono vantaggio dalla possibilità di passare dalla modellazione parametrica alla modellazione diretta e viceversa. Nelle prossime settimane approfondirò l’argomento.

Immagine da jacobsons

Questo articolo è stato pubblicato in Novità di Creo 1.0 e ha le etichette , , , , , , , . Aggiungi ai preferiti: link permanente. I trackbacks sono chiusi ma puoi scrivi un commento.

Pubblica un Commento

Il tuo indirizzo Email non verra' mai pubblicato e/o condiviso. I campi obbligatori sono contrassegnati con *

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

Puoi usare questi HTML tag e attributi: <a href="" title="" rel=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <pre> <q cite=""> <s> <strike> <strong>