Prodotti dei partner e Creo 1.0: KeyShot e il mantenimento di un segreto

Gli ingegneri di tutto il mondo conoscono il segreto per conquistare dirigenti, clienti, marketing e vendite: generare immagini fotorealistiche professionali dei modelli 3D. Indipendentemente dal fatto che comunichiate concetti iniziali, tentiate di prendere decisioni di progettazione o creiate immagini per marketing e vendite, immagini di qualità fotografica con texture eccellenti e sfondi realistici catturano l’attenzione. Luxion conosce il valore di un’immagine di qualità meglio di chiunque altro.

Questo partner PTC di livello Gold per Creo 1.0 è specializzato nella creazione di uno degli strumenti di rendering più veloci e facili da utilizzare sul mercato: KeyShot. Prodotto sia per specialisti CAD sia per profani, KeyShot rende facilmente accessibile il rendering di modelli 3D. Utilizzabile su Mac o PC, non richiede una speciale scheda grafica o driver dedicati.

Ho chiesto a Thomas Teger, vicepresidente responsabile del marketing presso Luxion, ulteriori informazioni sul principale prodotto dell’azienda, sulla relativa integrazione con Creo 1.0 e sui motivi per cui questo segreto gelosamente conservato dagli ingegneri potrebbe non essere più al sicuro.

GH: Che cos’è KeyShot?
Teger: KeyShot è un’applicazione di raytrace in tempo reale interattiva basata su CPU, che elimina la complessità nella creazione di immagini fotografiche da modelli 3D. KeyShot offre a chiunque si occupi di dati 3D la possibilità di creare immagini fotografiche in pochi secondi, indipendentemente dalle dimensioni del modello digitale.

GH: Perché le aziende dovrebbero prendere in considerazione KeyShot con Creo?
Teger: Per numerosi motivi. Per la prima volta in assoluto, è disponibile uno strumento di rendering che consente di ridurre i costi e il time-to-market. È sorprendente. Semplificando in questo modo la creazione di immagini fotorealistiche, è possibile sfruttare KeyShot nell’intero processo di sviluppo.

  • Vendere un’idea o un concetto fin dalle prime fasi dello sviluppo.
  • Prendere decisioni su progettazione, materiale, finitura e colore utilizzando il modello digitale anziché costosi prototipi fisici.
  • Presentare i progetti finali a clienti interni ed esterni.
  • Creare immagini per vendite e marketing direttamente dal modello digitale, per presentazioni, Web e stampa.

GH: Ha dichiarato che KeyShot è più facile da utilizzare. Per chi, esattamente?
Teger: Innanzitutto, KeyShot non richiede competenze specializzate e si rivela pertanto interessante per l’intero team.  KeyShot contiene sei pulsanti principali, anziché le centinaia di parametri, opzioni, dispositivi di scorrimento e regolazioni presenti nei programmi di rendering tradizionali. È lo strumento perfetto per chiunque si occupi o desideri occuparsi del rendering di dati 3D: progettisti industriali, ingegneri meccanici, esperti di marketing e di computer grafica, fotografi e così via. L’unico limite è la creatività personale.

GH: Ricordo il tempo trascorso in passato ad attendere il completamento di un rendering o a sperare che ogni singola riga del raytrace venisse visualizzata in tempi brevi sullo schermo. Come funziona oggi il rendering?
Teger: Non si gestiscono parametri per poi restare in attesa di KeyShot. I risultati vengono visualizzati mentre si apportano le modifiche, in tempo reale. Non si devono attendere minuti oppure ore per scoprire che non si tratta del risultato desiderato. Dipende interamente dalla potenza di elaborazione del computer. Maggiore è il numero di processori a disposizione, maggiore è la velocità di KeyShot.

GH: Quanto sono realistici i risultati?
Teger: Ciò che distingue KeyShot dalla concorrenza è il fatto che vengono utilizzati materiali scientificamente accurati. Per l’illuminazione, KeyShot utilizza l’illuminazione reale di un’immagine HDR. KeyShot è inoltre dotato dell’unico motore di rendering certificato dalla Commissione internazionale per l’illuminazione (CIE) per la rappresentazione accurata della luce in computer grafica. Sommando tutti questi elementi, si ottiene in tempo reale un’immagine estremamente accurata. Combinando una scena 3D con una fotografia, inoltre, è possibile ottenere risultati stupefacenti.

GH: Sembra davvero interessante. Qual è il livello di integrazione di KeyShot con Creo 1.0?

Teger: Offriamo un plug-in KeyShot che “collega” le due applicazioni, anziché includere KeyShot all’interno di ogni applicazione Creo. L’installazione e l’utilizzo risultano così estremamente semplici ed efficienti. Poiché le applicazioni restano separate, possono essere facilmente affiancate. È pertanto possibile continuare a lavorare all’interno di Creo mentre l’immagine viene perfezionata in background. Ogni plug-in presenta lo stesso funzionamento in ogni applicazione Creo. È sufficiente aprire il modello nell’applicazione supportata, cercare il pulsante KeyShot nella barra dei menu, selezionare il comando di rendering e seguire le istruzioni visualizzate. In pochi secondi, KeyShot verrà aperto e il progetto verrà inserito nella scena di default. È quindi possibile applicare materiali, modificare l’illuminazione e spostare la macchina fotografica. È tutto. Il plug-in trasferisce tutta la geometria delle singole parti di un assieme. Le parti identiche vengono collegate per default e non è pertanto necessario assegnare ripetutamente lo stesso materiale. Le informazioni relative ai colori, inoltre, vengono gestite a livello di parte.

GH: Quali altri tipi di dati è in grado di utilizzare KeyShot?
Teger: È possibile utilizzare direttamente dati Alias, AutoCAD, CATIA, Creo Elements/Pro, Inventor, Rhinoceros, SketchUp, Solid Edge, SolidWorks, IGES, STEP, OBJ, 3ds, Collada e FBX.

GH: Da chi viene utilizzato KeyShot?
Teger: L’elenco dei nostri clienti include molti produttori Fortune 1000 e le principali aziende di progettazione industriale, tra cui Dell, HP, Microsoft, Motorola, IDEO, frog design e SMART Design.

GH: Dove è possibile trovare ulteriori informazioni su KeyShot?
Teger: Nel sito Web www.keyshot.com. Sono disponibili numerose informazioni, procedure, esempi e così via. È inoltre possibile scaricare la versione di prova gratuita valida per 15 giorni per provare personalmente KeyShot. Continuate a visitare creo.ptc.com per ulteriori interviste sui prodotti dei partner per cui è stato pianificato il supporto di Creo 1.0 Immagine: SMART DESIGN Worldwide

Questo articolo è stato pubblicato in Prodotti dei partner e Creo 1.0 e ha le etichette . Aggiungi ai preferiti: link permanente. I trackbacks sono chiusi ma puoi scrivi un commento.

Pubblica un Commento

Il tuo indirizzo Email non verra' mai pubblicato e/o condiviso. I campi obbligatori sono contrassegnati con *

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

Puoi usare questi HTML tag e attributi: <a href="" title="" rel=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <pre> <q cite=""> <s> <strike> <strong>