Superare le problematiche dello sviluppo prodotto globalizzato

In molti settori è avvenuta la transizione dello sviluppo prodotto ad attività globale. I prodotti vengono sempre più spesso suddivisi in parti, ciascuna creata in più centri in tutto il mondo, che vengono quindi riunite per l’integrazione e i test. Questa transizione ha determinato un considerevole cambiamento per i produttori che, per affermare la propria presenza in mercati estremamente competitivi, devono gestire operazioni unificate e coesive in grado di promuovere la crescita e l’innovazione. In quasi tutti i settori, lo sviluppo prodotto è ora un’attività collaborativa a livello globale, con team di progettazione tecnica competenti dislocati in aree geografiche diverse che sviluppano prodotti in collaborazione. I fattori alla base di questa tendenza includono le crescenti pressioni competitive, la disponibilità di talenti validi all’estero, i più efficienti strumenti di comunicazione e collaborazione digitale e l’affermazione di nuovi mercati in espansione all’estero.

I produttori globali devono sviluppare e implementare best practice che consentano di distribuire strategie di sviluppo prodotto coordinate in grado di coprire scadenze, barriere linguistiche e confini globali. I vantaggi pubblicizzati dello sviluppo prodotto globalizzato includono la maggiore efficienza di progettazione tecnica risultante da risorse a basso costo, l’accesso a competenze tecniche internazionali, i nuovi mercati globali per i prodotti e l’allocazione più flessibile delle risorse tramite l’outsourcing. La transizione dei processi e delle procedure esistenti, tuttavia, determina numerosi problemi strategici e tattici che devono essere superati dalle aziende prima di distribuire con successo lo sviluppo prodotto globalizzato. Esaminiamo alcuni di questi problemi.

Proprietà intellettuale. La condivisione di progetti, tecnologie e dati di progettazione preziosi all’esterno dell’azienda rende più problematica la protezione della proprietà intellettuale. Per proteggere la proprietà intellettuale, le aziende devono definire prodotti e processi con una struttura modulare.

Metodologia dei processi. Le aziende devono sviluppare una metodologia per delegare le attività ai diversi centri globali. Quando una sede remota è coinvolta in un lavoro che fa parte di un’attività più ampia, è necessario un processo che suddivida le attività in passaggi chiari, determini i passaggi eseguiti da ciascun centro e quindi riconfiguri il processo in modo da supportare i rilasci, le revisioni e le approvazioni necessari.

Modularità dei prodotti. Frequentemente viene eseguito l’outsourcing di interi sottosistemi o componenti a team di progettazione in un’altra sede. Le architetture di prodotto modulari possono facilitare il coordinamento globale dei prodotti. Interfacce chiaramente definite tra i moduli facilitano lo sviluppo separato e la successiva integrazione nel prodotto finale.

Integrità dei dati. In un’organizzazione globale, i dati devono essere distribuiti tra più sedi spesso dislocate in aree geografiche diverse. Se ogni sede utilizza strumenti e database esclusivi, la disponibilità, l’accessibilità e la verificabilità dei dati diventano problemi chiave. Per mantenere l’integrità dei dati nell’intera organizzazione globale, è necessario stabilire best practice per la gestione dei dati e dei file. È inoltre necessario che un unico database o sistema di progettazione venga riconosciuto come sistema padre e che tutti gli utenti comprendano l’impatto delle modifiche apportate ai dati di origine.

Gestione delle modifiche a livello di organizzazione. Alcune delle principali problematiche dello sviluppo prodotto globalizzato riguardano i comportamenti e i ruoli dei singoli individui e le nuove competenze richieste. Per coloro che svolgeranno ruoli critici nello sviluppo prodotto globalizzato è necessario definire una pianificazione e una formazione accurate.

Superare le problematiche La transizione allo sviluppo prodotto globalizzato deve incorporare nuove modalità di collaborazione tra team e singoli individui di aziende, culture, lingue e fusi orari diversi, tenendo in considerazione tali differenze fin dall’inizio. I produttori devono adottare un approccio sistematico in grado di gestire i tre principali componenti dello sviluppo prodotto globalizzato: processo, persone e tecnologia. Un elemento determinante per il successo dello sviluppo prodotto globalizzato risulta essere la standardizzazione, a livello sia di strumenti sia di processi. I team di progettazione delle aree a basso costo potrebbero non avere accesso allo stesso livello di strumenti di progettazione di fascia alta adottato negli Stati Uniti e in altre aree ad alto costo o non disporre delle competenze necessarie. I principali dirigenti devono essere in grado di stabilire strumenti di sviluppo prodotto standardizzati per la progettazione dei nuovi prodotti, nonché processi standardizzati e documentati. La standardizzazione di processi e strumenti fin dall’inizio delle attività di sviluppo prodotto globalizzato consente di promuovere la conformità e una metodologia efficiente.

I sistemi di gestione del ciclo di vita del prodotto (PLM, Product Lifecycle Management) consentono ai produttori di implementare ambienti digitali aperti e sicuri per lo sviluppo prodotto in grado di proteggere la proprietà intellettuale e garantire a tutti i team di progettazione distribuiti di accedere ai dati di progettazione più aggiornati. I sistemi PLM consentono inoltre ai produttori di tenere traccia di tutti i processi e le attività, indipendentemente dal gruppo da cui vengono eseguiti o dalla relativa ubicazione, in ogni fase del ciclo di sviluppo prodotto, nonché di monitorare e gestire le modifiche di progettazione in modo che chiunque possa osservarne l’impatto. Una volta implementati gli strumenti e i processi standardizzati appropriati, i produttori possono promuovere livelli superiori di efficienza, crescita e innovazione tramite uno sviluppo prodotto globalizzato di successo. La vostra azienda è coinvolta nello sviluppo prodotto globalizzato? In tal caso, quali sono alcune delle problematiche affrontate? Immagine di fsse8info

Questo articolo è stato pubblicato in Progettazione rivoluzionata e ha le etichette , , , , . Aggiungi ai preferiti: link permanente. I trackbacks sono chiusi ma puoi scrivi un commento.

Pubblica un Commento

Il tuo indirizzo Email non verra' mai pubblicato e/o condiviso. I campi obbligatori sono contrassegnati con *

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

Puoi usare questi HTML tag e attributi: <a href="" title="" rel=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <pre> <q cite=""> <s> <strike> <strong>