Retroscena: Creo 1.0 è pratico?

lvogelien

Nelle prime due settimane di aprile PTC ha condotto alcuni test beta in sede per determinare la risposta degli utenti a Creo 1.0. Agli utenti è stato chiesto se, secondo loro, Creo 1.0 è intuitivo, contiene le funzioni necessarie e migliora la produttività. I test in sede rappresentano solo uno dei tanti modi di raccogliere feedback* durante il processo di sviluppo. Ad esempio, dedichiamo molte risorse al testing di qualità per garantire che Creo fornisca i risultati previsti. Ma i test beta in sede del mese di aprile riguardavano soprattutto la praticità del software.

 

Leo Vogelien, project manager principale per la garanzia di qualità Creo presso PTC, spiega:

GH: Chi fa parte del gruppo di testing beta di Creo?
Vogelien: I partecipanti sono, per la maggior parte, utenti esperti di Creo Elements/Parametric, Creo Elements/Direct o Creo Elements/View. Si occupano dello sviluppo del prodotto presso produttori che utilizzano le soluzioni PTC. Si occupano del conceptual design, della progettazione tecnica, della progettazione dettagliata, della simulazione, della produzione di disegni 2D e così via. Come nel caso di molti meeting rivolti ai clienti di PTC, invitiamo a partecipare i rappresentanti dei settori industriali per la produzione di beni di consumo, apparecchiature industriali, aerospaziale e difesa, automotive, apparecchiature medicali, elettronica e high-tech. I partecipanti provengono da società di varie dimensioni, che contano da 500 a 300.000 dipendenti. L’interesse dimostrato per Creo 1.0 è stato incredibile. Purtroppo, a causa della scarsa disponibilità di posti, abbiamo dovuto respingere alcune richieste di partecipazione.

GH: Come vengono condotti i meeting?
Vogelien: Per l’intera settimana di testing abbiamo programmato numerose sessioni diverse in cui gli utenti utilizzano la versione beta del software, ovvero una build di sviluppo interna. Diversi team funzionali, guidati dal gruppo di gestione del prodotto, forniscono una breve panoramica e dimostrazione delle aree principali. Segue quindi una sessione di testing pratico in cui i clienti provano varie attività e danno il proprio feedback su aspetti differenti: dalla facilità di utilizzo al contenuto funzionale. Queste sessioni vengono tenute prima del testing finale della garanzia di qualità per la release principale. In questi meeting faccia a faccia gli utenti hanno la possibilità di esprimere la propria opinione sul software prima della distribuzione. Possono utilizzare i casi e le attività di test che forniamo loro o, come accade di solito, fanno riferimento ai propri esempi. Il testing beta di Creo 1.0 durerà cinque giorni, durante i quali si potranno discutere ed esaminare tutte le applicazioni principali, le estensioni e le funzioni chiave di Creo 1.0.

GH: Il testing beta si svolge sempre a Boston, nella sede generale di PTC?
Vogelien: Il testing beta comporta l’utilizzo dell’ultimo software di sviluppo. Per ottimizzare l’esperienza dei clienti e garantire il supporto da parte di tutte le risorse tecniche, è meglio organizzare questi eventi a Needham. Tuttavia stiamo supportando un numero ridotto di sessioni in remoto con la supervisione dei team di account PTC. Successivamente condurremo un testing più ampio, quando i livelli di qualità soddisferanno criteri di release specifici. Questo testing è un po’ diverso e ha luogo presso le sedi dei vari clienti. Mira soprattutto a raccogliere informazioni sulla qualità e a segnalare eventuali problemi software che andrebbero risolti.

GH: Può fornire un esempio di un aspetto su cui può essere opportuno ottenere il feedback?
Vogelien: Ad aprile speriamo di ottenere l’approvazione generale delle nuove applicazioni Creo, dell’interfaccia utente e dell’interazione. Vogliamo determinare se le funzioni e le capacità nuove soddisfano le esigenze degli utenti, sono intuitive e comportano un buon flusso di lavoro. Di seguito è riportato un classico esempio: molti utenti hanno un background di modellazione parametrica. Desideriamo sapere se Flexible Modeling Extension per Creo Parametric risponde alle necessità in termini di contenuto funzionale e facilità di utilizzo. [Ed – Leggi l’articolo precedente su Flexible Modeling Extension]

GH: Come raccogliete il feedback degli utenti durante la settimana di testing beta?
Vogelien:  Utilizziamo strumenti basati sul Web che includono moduli di feedback in cui i clienti possono facilmente segnalare eventuali problemi. Grazie al Web possiamo centralizzare, senza alcuna difficoltà, tutti i dati di vari cicli di testing e posizioni e, una volta registrati, possiamo esportarli e distribuirli agli altri team in PTC.

GH: Che cos’è il feedback nelle prime fasi?
Vogelien: Non posso rivelare tutto ciò di cui abbiamo discusso, ma posso confermare che siamo estremamente soddisfatti del riscontro ottenuto. Finora abbiamo ricevuto un feedback molto positivo per Creo 1.0. E, come potete immaginare, gli utenti hanno sempre dei suggerimenti su ulteriori funzioni da aggiungere e su come migliorare le funzionalità esistenti. In questo modo possiamo verificare i nostri piani per Creo 2.0

GH: Come fanno gli utenti a partecipare al programma di testing beta per le prossime release di Creo?
Vogelien: Al testing beta può partecipare esclusivamente un campione di società di dimensioni, settori e aree geografiche diversi. Poiché il testing beta richiede un impegno notevole in termini di tempo, non tutti potrebbero accettare di partecipare. Il nostro obiettivo è quello di coinvolgere un numero sempre maggiore di aziende e di collaborare con nuovi clienti. La soluzione migliore è che i clienti contattino i team di account locali per scoprire quando si terrà il prossimo testing beta. A loro volta, i team contatteranno me e mi comunicheranno chi è interessato.

GH: Continuate a consultare il blog su ptc.creo.com per leggere le interviste con alcuni dei partecipanti chiave al testing beta di Creo di questa settimana. *In articoli precedenti sono stati esaminati altri metodi di raccolta del feedback. Ad esempio, studi sulla facilità di utilizzo, meeting con i comitati tecnici e sedute con il Board of Customer Advisors.

Questo articolo è stato pubblicato in Reazioni a CREO e ha le etichette , , , , , . Aggiungi ai preferiti: link permanente. I trackbacks sono chiusi ma puoi scrivi un commento.

Pubblica un Commento

Il tuo indirizzo Email non verra' mai pubblicato e/o condiviso. I campi obbligatori sono contrassegnati con *

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

Puoi usare questi HTML tag e attributi: <a href="" title="" rel=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <pre> <q cite=""> <s> <strike> <strong>