Apple iPad 2: grazie alle nuove funzionalità sarà più adatto per lo sviluppo prodotto?

Apple ha annunciato la distribuzione della seconda versione del proprio diffusissimo tablet di mobile computing, iPad 2, a partire dal mese di marzo 2011. Nonostante lo scetticismo iniziale, il predecessore è stato adottato sia dai consumatori sia dal mondo del lavoro, con l’introduzione sul mercato di un crescente numero di applicazioni in grado di soddisfare quasi tutti i desideri a livello di elaborazione. Nell’App Store sono state inoltre rese disponibili numerose applicazioni correlate al mondo del lavoro di pari passo al tentativo delle aziende di determinare come supportare al meglio i dispositivi proteggendo al tempo stesso i dati aziendali in essi contenuti. In generale, gli utenti aziendali hanno preferito in massa l’iPad rispetto ai dispositivi tablet concorrenti. Soltanto tre mesi dopo il lancio nell’aprile 2010, Apple ha riportato che l’iPad veniva testato dal 50% delle aziende Fortune 100. All’inizio di quest’anno, tale cifra era balzata all’80% delle aziende Fortune 100. Nonostante l’iPad sia attualmente supportato da alcune applicazioni CAD, la maggior parte è rimasta per ora in disparte. Questa nuova generazione di iPad sarà in grado di risolvere le preoccupazioni e fornire le prestazioni di elaborazione necessarie nel software utilizzato per lo sviluppo prodotto? Nonostante non sia possibile conoscere subito la risposta a tale domanda, esaminiamo alcune nuove funzionalità dell’iPad 2 e in quale modo potrebbe essere più adatto per le aziende che si occupano di sviluppo prodotto. Più efficiente, più veloce, più sottile e più leggero? Verificate voi stessi L’iPad 2 di imminente rilascio promette un potenza di elaborazione due volte superiore rispetto al suo predecessore e un processore grafico ad alte prestazioni che garantirà un enorme incremento delle prestazioni (9 volte superiori rispetto all’iPad originale) in un contenitore di dimensioni inferiori. L’iPad 2 vanta un processore dual-core e prestazioni grafiche che secondo quanto dichiarato da Apple saranno nove volte più potenti rispetto all’iPad di prima generazione. Ciò produrrà probabilmente il massimo impatto su aspetti come l’installazione e il passaggio tra applicazioni, ma influirà anche sulle applicazioni 2D e 3D, poiché il sistema sarà ora in grado di gestire un numero superiore di poligoni e pixel sullo schermo e consentirà ai motori per la grafica di ottenere nuovi risultati.

Nonostante le dimensioni dello schermo restino invariate, l’unità sarà più sottile del 33% rispetto al predecessore e anche il peso sarà leggermente inferiore. In caso di furto, il nuovo iPad offrirà inoltre una funzionalità che consentirà agli utenti di “ripulire in remoto” i dati.

Un altro vantaggio per chi si occupa di sviluppo prodotto sarà rappresentato dalla videocamera anteriore dell’iPad 2 per le videoconferenze, con risoluzione VGA. La videocamera posteriore offre una risoluzione HD 720P. Nell’unità saranno precaricate un’applicazione per videochiamate, denominata FaceTime, e un’applicazione per l’acquisizione di foto e video e l’esecuzione di semplici modifiche, denominata PhotoBooth. Un altro vantaggio è l’incremento di memoria. L’iPad offrirà 512 MB di RAM, anziché il massimo di 256 MB dell’iPad originale. Nonostante questi aggiornamenti significativi delle funzionalità complessive, il recente annuncio contiene scarse informazioni in merito ad alcune persistenti preoccupazioni degli utenti aziendali quali gestibilità e protezione. Secondo l’analista del settore Jack Gold, Apple avrebbe dovuto cogliere l’opportunità di risolvere alcune di queste preoccupazioni perfezionando iTunes in modo da supportare con maggiore efficienza la gestione remota e la distribuzione di massa di iPad. Apple avrebbe inoltre potuto incorporare la protezione (crittografia) nell’hardware dell’iPad 2, così come è stata incorporata nell’iPhone. Queste carenze agevoleranno sicuramente i concorrenti, che sembrano impegnarsi maggiormente per attrarre il mondo aziendale. BlackBerry PlayBook di Research in Motion è stato realizzato in modo da consentire l’accesso alla posta elettronica e ai calendari aziendali senza lo smartphone BlackBerry dell’utente. HP si prepara al debutto del prossimo tablet webOS, TouchPad, che viene presentato strategicamente come un dispositivo aziendale di facile utilizzo per il reparto IT. Anche Samsung si è impegnata a stringere accordi con i fornitori di applicazioni per rendere il proprio tablet Galaxy Tab basato su Android più interessante per gli acquirenti aziendali. Le applicazioni includeranno un’applicazione del fornitore di “desktop virtuali” Citrix e un’altra dello sviluppatore di soluzioni per videoconferenze Polycom allo scopo di fornire nei tablet un’applicazione per videochiamate con qualità di telepresenza. Nessuno può sapere come si svolgerà la gara dei tablet, ma Apple sembra indubbiamente godere in partenza di una posizione di vantaggio. Call to Action: Come vengono utilizzati gli iPad nella vostra azienda? Immagine di jwpriebe

Questo articolo è stato pubblicato in Progettazione rivoluzionata. Aggiungi ai preferiti: link permanente. I trackbacks sono chiusi ma puoi scrivi un commento.

Pubblica un Commento

Il tuo indirizzo Email non verra' mai pubblicato e/o condiviso. I campi obbligatori sono contrassegnati con *

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

Puoi usare questi HTML tag e attributi: <a href="" title="" rel=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <pre> <q cite=""> <s> <strike> <strong>