Personalizzazione di massa: una soluzione non è necessariamente valida in tutti i casi

measuring-tape

Con il miglioramento della situazione economica, i consumatori sono diventati sempre più selettivi in merito a come e dove spendere il proprio denaro. Di conseguenza, il settore manifatturiero si trova in una nuova situazione, determinata dalla richiesta da parte dei consumatori di prodotti personalizzati non standard in grado di soddisfarne le specifiche esigenze ma a prezzi competitivi con quelli dei prodotti di massa. Nel mercato dei beni di consumo si riscontrano numerosi esempi di questa tendenza. In gennaio, la startup tedesca Chocri (http://www.createmychocolate.com/create/chocolate/) ha iniziato a vendere tavolette di cioccolato personalizzate create personalmente dai clienti online, nella speranza (come dichiarato dai dirigenti) di sfruttare la tendenza emergente della personalizzazione di massa negli Stati Uniti. Un’altra startup di piccole dimensioni, me & goji, consente ai clienti di creare la propria combinazione personalizzata di cereali con pochi clic del mouse e riceverla direttamente a casa propria. In generale, la personalizzazione di massa è più facilmente ottenibile da aziende di dimensioni ridotte, maggiormente in grado di mantenere uno stretto contatto con i clienti e di adattare in modo semplice e rapido i processi di produzione in base a tendenze di vendita e richieste dei clienti mutevoli. Un approccio più personalizzato ai prodotti riduce la quantità di materiale e giacenze che un’azienda deve tenere a disposizione e garantisce un maggiore allineamento dei costi alla domanda effettiva. Di conseguenza, anziché disporre di quantità elevate di scorte di beni pronte per la vendita, un’azienda di produzione personalizzata può mantenere scorte notevolmente inferiori. Personalizzazione di massa per aziende di maggiori dimensioni Piccole aziende che creano tavolette di cioccolato e miscele di cereali personalizzate sono ben diverse da organizzazioni di maggiori dimensioni che creano prodotti più complessi. La divisione Server di Dell Computer ha rivoluzionato il concetto di personalizzazione di massa nel settore dei computer. L’intero processo di produzione dell’azienda, dall’ordine alla consegna, viene gestito elettronicamente e ciò consente a Dell di realizzare server con maggiore efficienza e coinvolgere i clienti consentendo loro di conoscere in quale fase del processo si trova il loro server. Dopo l’ordine online del server e dei componenti da parte dei clienti, le informazioni vengono inserite in una coda di produzione suddividendo ogni singolo componente che verrà assemblato nel server. Le scorte necessarie vengono quindi assegnate all’area di assemblaggio affinché vengano inserite correttamente nella coda. La pipeline di produzione viene fornita ai partner della supply chain di Dell in modo che le scorte possano essere pronte nelle rispettive aree di carico e Dell possa mantenere le scorte effettive in officina soltanto due ore. Un altro produttore industriale, Caster Concepts, offre ora ai clienti versioni personalizzate delle proprie rotelle. L’azienda ha riscontrato che molti clienti desideravano rotelle personalizzate con specifiche di prestazioni elevate o dimensioni speciali per ottimizzare i propri processi. In precedenza, tali clienti erano costretti a pagare di più per una rotella personalizzata con lunghi lead time oppure ad adattare forzatamente una rotella standard all’applicazione specifica. Adesso, l’azienda offre soluzioni personalizzate progettate e prodotte in modo da soddisfare le esigenze di applicazioni esclusive senza lunghi lead time. Per ottenere questo risultato, l’azienda ha investito in apparecchiature di produzione specializzate che riducono al minimo i tempi di impostazione e supportano flessibilmente una vasta gamma di processi. Caster può così produrre in massa prodotti personalizzati in lotti di piccole dimensioni riducendo al tempo stesso i lead time del 50%. Utilizzando taglio al laser e presse piegatrici anziché stampaggio e operai siderurgici, l’azienda non solo controlla i costi, ma distribuisce anche i prodotti ottimali per le applicazioni del cliente. La personalizzazione di massa, denominata anche produzione a risposta rapida (QRM, Quick Response Manufacturing), sta diventando rapidamente una realtà per i produttori di tutte le dimensioni che desiderano competere in modo più efficiente sui turbolenti mercati di oggi. Per implementare processi di personalizzazione di massa, le aziende devono adottare una strategia flessibile orientata alla domanda in grado di fornire diverse opzioni personalizzate. Se siete interessati a questo argomento, visitate nuovamente questo blog il mese prossimo, quando illustreremo le best practice per la personalizzazione di massa. Immagine di Ben (Falcifer)

Questo articolo è stato pubblicato in Progettazione rivoluzionata e ha le etichette , , . Aggiungi ai preferiti: link permanente. I trackbacks sono chiusi ma puoi scrivi un commento.

2 Commenti

  1. Francesco
    Pubblicato 31 marzo 2011 alle 10:12 am | Link Permanente

    Complimenti per il sito. Anche gli articoli sono molto interessanti da leggere

    • Pubblicato 31 marzo 2011 alle 11:37 am | Link Permanente

      Grazie Francesco per il tuo commento!
      Giornalmente aggiorniamo il sito con interessanti articoli e siamo entusiasti di ricevere i vostri feedback e commenti!

      Veronica

Pubblica un Commento

Il tuo indirizzo Email non verra' mai pubblicato e/o condiviso. I campi obbligatori sono contrassegnati con *

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

Puoi usare questi HTML tag e attributi: <a href="" title="" rel=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <pre> <q cite=""> <s> <strike> <strong>