Apple conquisterà il mercato della progettazione tecnica?

La popolarità dei prodotti Apple è esplosa nel mercato di massa, con la considerevole adozione di prodotti rivoluzionari come iPhone e iPad. I mercati tecnici e della progettazione, tuttavia, sono rimasti dominio del PC. Nonostante il mercato tecnico-scientifico fosse in passato un mercato importante per la piattaforma Mac, nei primi anni Novanta la posizione della piattaforma si è indebolita fino alla scomparsa.  Alcuni indizi, tuttavia, segnalano che la situazione potrebbe cambiare. In risposta a un numero sempre più elevato di richieste degli utenti, a ottobre Autodesk ha rilasciato una nuova versione per Mac del software AutoCAD, dopo un intervallo di 18 anni (nel 1992 Autodesk aveva rilasciato una versione di AutoCAD per la piattaforma Mac che aveva poi ritirato solo due anni dopo). Nonostante il costo paragonabile a quello della versione per PC, la versione per Mac di AutoCAD verrà fornita con una versione complementare gratuita di iOS eseguibile su iPad, iPhone e iPad Touch. Queste versioni portatili offriranno funzionalità di progettazione limitate, ma consentiranno a un progettista o un architetto di portare i disegni su un luogo di lavoro senza doverli stampare. All’inizio di quest’anno, Computational Engineering International (CEI) ha rilasciato una versione nativa Mac di EnSight, il principale software di fluidodinamica computazionale (CFD, Computational Fluid Dynamics) dell’azienda. In precedenza, il software Linux poteva essere eseguito su Mac nell’ambiente di windowing X11. Sempre nell’area della fluidodinamica, la piattaforma Mac sarà ora supportata da Caedium di Symscape. Questa nuova release sarà una versione Mac realmente nativa e costituirà pertanto uno dei pochi strumenti di analisi CFD commerciali con esecuzione nativa su Mac. Queste e altre nuove release di software CAE per Mac indicano un crescente successo delle applicazioni in grado di supportare gli ingegneri utenti di Mac, molti dei quali in passato acquistavano Mac per eseguire applicazioni Linux o programmi Windows tramite virtualizzazione. Mentre gli utenti CAD nell’architettura hanno avuto a disposizione diversi prodotti per due piattaforme (Graphisoft ArchiCAD e Vectorworks) e i progettisti industriali dispongono anche di opzioni software per Mac, la maggior parte degli utenti MCAD è ancora confinata ai PC basati su Windows. Secondo alcune voci, altri fornitori MCAD starebbero valutando l’idea di rilasciare versioni per Mac del proprio software, ma la maggior parte ha adottato un approccio di attesa. È in effetti il classico dilemma dell’uovo e della gallina. Gli utenti che si occupano di progettazione tecnica non saranno interessati a sistemi Mac finché non verrà eseguito il porting di applicazioni MCAD per supportarli. I fornitori, d’altro canto, non supporteranno una piattaforma finché non esisterà un mercato significativo di potenziali utenti. La questione forse più imminente è se le aziende saranno intenzionate a implementare l’infrastruttura di supporto IT necessaria per supportare computer con due sistemi operativi in un ambiente di rete. Nonostante queste incognite, è difficile sostenere che Apple non sia destinata a mantenere la posizione riconquistata sul mercato. Nel trimestre che si è concluso nel mese di giugno di quest’anno, l’azienda ha venduto 3,5 milioni di Mac e inizia ad affermarsi in misura significativa in ambito aziendale. Secondo IDC, nell’ultimo trimestre le vendite di Mac sono aumentate tre volte più velocemente sul mercato aziendale e 16 volte più velocemente in quello pubblico rispetto al resto del settore. Con l’esplosione del mercato del mobile computing, Apple usufruirà certamente di una larga quota di mercato. I prodotti iPad e iPhone sono stati ampiamente adottati e hanno determinato nel 2010 l’introduzione sul mercato di numerose imitazioni, ovvero dispositivi di elaborazione di tipo tablet. Gartner Group prevede che entro il 2013 l’80% delle aziende supporterà la forza lavoro mediante tablet. Secondo un’altra ricerca condotta da Forrester Group, quasi un terzo di tutte le aziende in Nord America ed Europa supporta attualmente iPhone. Ingegneri e progettisti che si occupano di progettazione meccanica disporranno un giorno di una vasta gamma di strumenti di progettazione 2D e 3D eseguibili su Mac? Il verdetto non è ancora stato pronunciato, ma è difficile credere che i fornitori MCAD non stiano almeno prestando attenzione al mercato mantenendo aperte le opzioni. Attualmente utilizzate un’applicazione di progettazione tecnica di qualsiasi tipo su un computer Apple? In questo caso, gradiremmo conoscere la vostra opinione. Quali vantaggi offre? È più facile da utilizzare? Le probabilità di virus sono inferiori? Desidereremmo saperlo. Immagine di kurafire

Questo articolo è stato pubblicato in Progettazione rivoluzionata e ha le etichette , , , , , , . Aggiungi ai preferiti: link permanente. Scrivi un commento o lascia un trackback: Trackback URL.

Un Commento

  1. Giovanni Pace
    Pubblicato 31 marzo 2011 alle 1:43 pm | Link Permanente

    L’articolo è molto interessante. Da un po’ di tempo, però, ho visto una sempre maggior migrazione di miei colleghi ingegneri verso le piattaforme linux piuttosto che verso Mac. Fino a qualche anno fa la PTC aveva sviluppato il software pro/E wildfire anche per Linux (fino alla WF3 se non sbaglio). PTC tornerà con CREO a riconsiderare la piattaforma linux?!

Pubblica un Commento

Il tuo indirizzo Email non verra' mai pubblicato e/o condiviso. I campi obbligatori sono contrassegnati con *

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

Puoi usare questi HTML tag e attributi: <a href="" title="" rel=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <pre> <q cite=""> <s> <strike> <strong>