Jim Heppelmann descrive Creo

Gli anni Novanta sono stati un periodo di rapida innovazione e l’introduzione della modellazione solida parametrica 3D per la progettazione di prodotti ha suscitato notevole entusiasmo. Nonostante il mercato sia diventato più maturo e quindi più statico, permangono molti importanti problemi irrisolti: facilità di utilizzo, interoperabilità sia all’interno di un’azienda sia all’esterno con la relativa supply chain, complessità della modellazione di assiemi “reali” e lock-in tecnologico. Il mercato desidera soluzioni fondamentalmente più facili da utilizzare. Grazie agli asset tecnologici e alla proprietà intellettuale di Creo, PTC è in grado di risolvere molti di questi problemi.

Questo articolo è stato pubblicato in Retroscena e ha le etichette , , , , , , , . Aggiungi ai preferiti: link permanente. I trackbacks sono chiusi ma puoi scrivi un commento.

Pubblica un Commento

Il tuo indirizzo Email non verra' mai pubblicato e/o condiviso. I campi obbligatori sono contrassegnati con *

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

Puoi usare questi HTML tag e attributi: <a href="" title="" rel=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <pre> <q cite=""> <s> <strike> <strong>